News - Partecipazione e dispersione scolastica nel nuovo numero di "Diritti in Classe"

20.06.2012

Il nuovo numero di "Diritti in Classe", la rivista digitale per i docenti realizzata dall’Unità Educazione di Save the Children, approfondisce i temi della partecipazione e della dispersione scolastica.


La prima è il frutto della scuola che funziona, che non si limita a impartire lezioni ai propri studenti, ma è disponibile anche a fare proprie le loro idee e a stimolarne il senso critico, accompagnandoli nella crescita da bambini a cittadini. La dispersione, al contrario, è il sintomo che rivela che qualcosa non va, per motivi che spesso esulano dalla sfera scolastica.

La rivista analizza la complessità dei fattori all'origine dell'abbandono scolastico attraverso l'articolata analisi di Maddalena Colombo, professore associato di Sociologia dell'educazione alla Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Brescia, da cui emerge anche che l'abbandono degli studi può essere accompagnato, almeno nella fase iniziale, da stati d'animo positivi, legati al senso di liberazione da una realtà vissuta con fastidio e alla convinzione di aver compiuto un passo decisivo verso l'agognata maturità.

Dai dati - e lo sottolinea nel suo contributo anche l'assessore alla Scuola del Comune di Napoli, Annamaria Palmieri - emerge però in modo altrettanto chiaro che l'impatto della dispersione è maggiore nelle aree del nostro Paese più vulnerabili dal punto di vista sociale ed economico. Nell'intervista che apre il terzo numero "Diritti in Classe" ha chiesto a Marco Rossi-Doria - che alla scuola ha dedicato tutta la sua vita, prima come insegnante e oggi come sottosegretario all'Istruzione - quali sono i piani e le priorità del ministero su questo fronte così delicato. Tanto più delicato in una fase di crisi come quella attuale, che rischia di tradursi in ulteriori tagli ai fondi italiani per l'istruzione, già ben al di sotto della media europea, con una previsione di spesa per scuola e università scesa dal 4,6% del Pil del 2008, a fronte di una media europea pari a circa il 6,1%, al 3,7% previsto per il periodo 2011-2014.

La lotta alla dispersione e la promozione della partecipazione dei bambini sono anche il fulcro dei progetti promossi dall'Unità Educazione di Save the Children, che cercano di tradurre in realtà i principi sanciti dalla Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. Esemplare, in questo senso è il caso di "W la scuola", l'iniziativa che negli ultimi mesi ha affidato agli studenti di sei scuole di Napoli il compito di elaborare una campagna di comunicazione contro l'abbandono scolastico rivolta ai loro coetanei.

Nella rivista, che può essere sfogliata sul web o scaricata in pdf, sono presenti collegamenti ipertestuali per agevolare la lettura e approfondire gli argomenti trattati attraverso la consultazione dei siti e dei documenti cui fanno riferimento i singoli articoli.