Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

15 marzo 2011

Giappone, Save the Children: continua ad aumentare il numero degli sfollati. 500.000 persone di cui 100.000 bambini.

Il numero degli sfollati a causa del terremoto e dello tsunami che hanno colpito il Giappone aumenta vertiginosamente ad ogni ora. Secondo Save the Children, sarebbero 500.000, di cui 100.000 bambini, le persone che hanno perso la propria casa nelle aree colpite dal terremoto e dallo tsunami e che ora hanno trovato un riparo nei 2050 centri di evacuazione, molti dei quali sono senza acqua ed elettricità.
Anche il resto della popolazione, purtroppo continua a vivere in condizioni precarie e disagiate. Si stima che ben 2,6 milioni di persone vivano in case senza elettricità, 3,2 milioni non abbiano il gas e 1,4 milioni non abbiano l’accesso all’acqua.

“Questa situazione, unita alle continue scosse di assestamento, non fa che aumentare il senso di disagio dei bambini, che hanno già dovuto sperimentare la paura e l’insicurezza provocate da un evento traumatico come questo. È per questo che Save the Children si è immediatamente attivata e sta lavorando con il proprio team di esperti per fornire un supporto sia ai bambini che ai genitori, al fine di aiutarli a fare fronte al devastante impatto del terremoto”, spiega Stephen McDonald, coordinatore dell’intervento di emergenza di Save the Children.

Save the Children ha già inviato un team a Sendai - l’area più colpita – stabilendovi una base operativa. Inoltre un altro team dell’Organizzazione è dispiegato lungo la strada da Tokyo a Sendai per organizzare e allestire delle “aree sicure” per i bambini, degli spazi dove possano essere protetti e assistiti, permettendo così ai genitori di registrarsi per ottenere gli aiuti e l’assistenza d’emergenza.

Save the Children inoltre avvierà anche delle attività di ricongiungimento dei minori rimasti soli e separati dai genitori.

Per supportare l’immediato intervento di emergenza l’organizzazione internazionale ha lanciato un appello per la raccolta di 5 milioni di dollari. Le attività di Save the Children in Giappone possono essere sostenute attraverso il Fondo Emergenze per i Bambini: http://www.savethechildren.it/giappone

Sono disponibili portavoce di Save the Children in Giappone

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa Save the Children Italia, Tel. 06.48070023-71-001; 346.3917619 (Giusy De Loiro)
press@savethechildren.it
www.savethechildren.it

MATERIALI CORRELATI