09 gennaio 2012

Haiti, terremoto 2 anni dopo: Save the Children, 500 mila persone - di cui circa la metà bambini - ancora sotto le tende, mentre il colera resta un grave problema

Oltre 1 milione di bambini e adulti raggiunti finora dalla ong: centinaia di migliaia nell'ambito di attività di prevenzione del colera, allestite 10 unità per il trattamento dell’epidemia, 229 classi scolastiche ricostruite con criteri antisismici,identificati e supportati circa 3700 minori separati dalle famiglie a causa del sisma

Nonostante il grande slancio di aiuti seguito al devastante terremoto che colpiva Haiti il 12 gennaio 2010 e che ha visto l’immediata attivazione di molte organizzazioni non governative tra cui Save the Children, a 2 anni di distanza i problemi per i sopravvissuti sono ancora grandi: solo 1 milione di persone sono rientrate in abitazioni o rifugi temporanei e neanche la metà delle macerie è stato rimosso.

“A tuttoggi 500.000 persone - la metà circa delle quali bambini (1) - vivono ancora sotto le tende in campi provvisori. Si continua a morire a causa del colera, di cui si sono ammalate - dall’esplosione dell’epidemia- 515.000 persone (2), con 6.000 morti circa. Centinaia di migliaia di minori sono ancora in situazione di grande vulnerabilità e vittime di abusi e violenze nelle tendopoli e negli slum,così come centinaia di migliaia di persone ancora sono senza lavoro”, dichiara Valerio Neri, Direttore Generale Save the Children Italia, alla vigilia dei 2 anni dal terremoto in Haiti e in occasione della diffusione del rapporto “Ricostruire la speranza ad Haiti” che sintetizza l’intenso lavoro che Save the Children sta portando avanti nelle aree più colpite di Port-au-Prince, Leogane, Jacmel, Petit e Grande Goâve, Maissade e Dessaline nell'Artibonite, sin dalle ore successive al sisma quando tutto il mondo assistette in diretta al salvataggio della piccola Winnie, tratta dalle macerie dopo 3 giorni grazie all'intervento di una troupe australiana e affidata a Save the Children per le prime cure.

“Le cause del permanere di tanti e gravi problemi a due anni dal terremoto, sono varie”, prosegue Valerio Neri. “La ricostruzione procede a rilento, inoltre la risposta al terremoto ha dovuto fare i conti non solo con la vastità del disastro ma anche con un contesto difficile e dai costi elevati per le ong - i costi del carburante e della sicurezza per esempio sono enormi - tanto che a due anni dal sisma molte ong hanno chiuso o ridotto le proprie attività. D’altra parte, benché l’attuale governo Martelly si stia impegnando a favore dei bambini e dello sviluppo, mancano le competenze necessarie e impiegati qualificati. Di conseguenza, di fatto, molti servizi alla popolazione sono garantiti dalle ong e il trasferimento dei progetti allo Stato è difficile e lungo. Una delle sfide per quest’ anno ed i prossimi è aiutare il governo di Haiti a farsi carico della gestione dei servizi di base, a partire da quelli scolastici e sanitari”.

“Save the Children sta facendo il massimo per i bambini e le famiglie di Haiti la cui energia e volontà di reagire sono veramente ammirevoli. Abbiamo per esempio aperto 10 unità per il trattamento del colera per un totale di 11.000 tra bambini e adulti curati e trattati. Abbiamo costruito con criteri antisismici e antiuragano 229 classi in 38 scuole colpite dal sisma per un totale di 13.575 bambini beneficiari. Stiamo impegnandoci più che possiamo per proteggere i minori da violenze e abusi attraverso la creazione di 39 comitati locali per la protezione dei bambini composti da 468 membri. Lo scopo di questi comitati è identificare, monitorare e prevenire violenze sui bambini e costituire club di minori a cui attualmente prendono parte 3.600 bambini. Save the Children sta poi aiutando le famiglie ad avere una fonte di reddito supportando 45 piccoli e medi esercizi commerciali ed imprese a Port-au-Prince e Jacmel, e dando sostegno finanziario e formativo a 350 attività di mercato condotte da donne a Port-au-Prince. Dunque dei progressi e miglioramenti nelle l vite di tanti bambini e famiglie li abbiamo portati e continueremo a portarli attraverso il piano quinquennale 2010-2015 di aiuti. Non intendiamo abbandonare Haiti, dove lavoriamo dal 1978”, conclude Valerio Neri.


*************************************************************

L’intervento di Save the Children ad Haiti in pillole
• 31.527 bambini iscritti in 176 scuole raggiunte dal progetto Educazione di qualità, consistente nella formazione di insegnanti e amministratori scolastici, nell’approvvigionamento di materiale scolastico e nella formazione di gruppi di supporto per i genitori
• Formazione di 1.240 insegnanti e direttori scolastici sull’amministrazione scolastica, sull’utilizzo dei manuali scolastici e sui curricula della scuola pubblica
• Supportate 23 scuole nella messa a punto di piani di emergenza inclusia la costituzione di un team scolastico di persone preparate ad affrontare situazioni di emergenza
• Formati 176 insegnanti e 7.268 studenti sulla riduzione del rischio provocato dai disastri
• Fornito un training sullo sviluppo della prima infanzia a 195 fra operatori per la prima infanzia e direttori scolastici
• 20.781 bambini (10.330 ragazzi e 10.451 ragazze) al momento hanno accesso a un programma completo di salute e nutrizione in 108 scuole
• Completata la costruzione di 229 classi in 38 scuole colpite dal sisma per un totale di 13.575 bambini beneficiari
• Supportate 10 unità per il trattamento del colera che hanno trattato 11.000 casi di colera
• Raggiunto 1.040.000 persone sia singolarmente che attraverso i media con messaggi per la prevenzione del colera
• Fornitura di acqua potabile, servizi igienici e postazioni dove lavarsi le mani in 38 scuole
• Formati più di 300 insegnanti sulla promozione dell’igiene e sulla prevenzione del colera e raggiunti oltre 7.000 bambini con messaggi per la promozione dell’igiene
• Raggiunto 1.040.000 persone sia singolarmente che attraverso i media con messaggi per la prevenzione del colera
• Registrati più di 3.690 minori separati ed effettuate visite di controllo ai bambini registrati
• Supportati 39 comitati locali per la protezione dei bambini composti da 468 membri, allo scopo di identificare, monitorare e prevenire violenze sui bambini e costituire club di minori a cui attualmente prendono parte 3.600 bambini.
• Sostegno a 45 medi e piccoli esercizi commerciali ed imprese a Port-au-Prince e Jacmel, supporto finanziario e formativo a 350 attività di mercato condotte da donne a Port-au-Prince

Sono disponibili foto e storie di bambini e adulti supportati da Save the Children

Per le tv è disponibile un broll di immagini scaricabile dal seguente link: https://www.yousendit.com/download/T2dmV0orK3hCSWRYd3NUQw

Sono disponibili portavoce ad Haiti

Per sostenere le attività di Save the Children nelle emergenze: www.savethechildren.it/fondoemergenze

NOTE:

1) Circa il 46% della popolazione di Haiti ha meno di 18 anni
2) Fonte OMS al novembre 2011

 

 

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa Save the Children Italia
tel. 06.48070023-071-001
press@savethechildren.it
www.savethechildren.it


MATERIALI CORRELATI