Pubblicazioni

15° Rapporto sullo Stato delle Madri nel Mondo

15° Rapporto sullo Stato delle Madri nel Mondo

Ancora una volta il Nord Europa è in testa allo Stato delle madri nel Mondo di Save the Children, la classifica dei Paesi dove lo stato di salute della madre, il livello di istruzione, le condizioni economiche, politiche e sociali garantiscono il benessere alle mamme e ai loro figli. Sono infatti Finlandia, Norvegia e Svezia che si aggiudicano il podio. Al contrario sono tutti dell’Africa sub-sahariana, quelli che si collocano in fondo alla classifica, con i coda la Somalia, preceduta dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC) e, a pari merito, da Niger e Mali, che ottengono punteggi molto scarsi.

16° Rapporto sullo Stato delle Madri del Mondo

16° Rapporto sullo Stato delle Madri del Mondo

Il 16° rapporto sullo Stato delle Madri del Mondo, la pubblicazione contenente l’Indice delle Madri, ovvero la classifica del benessere materno-infantile relativa a 179 paesi, che quest’anno vede in testa alla classifica la Norvegia, il paese più a misura di madri e bambini e che presenta i valori migliori in tutti gli indicatori utilizzati. Seguono: Finlandia, Islanda, Danimarca, Svezia, Paesi Bassi, Spagna, Germania, Australia, Belgio. Al polo opposto la Somalia, il peggiore luogo al mondo per madri e bambini.

4° Rapporto Every One

4° Rapporto Every One

4° rapporto di aggiornamento sulla campagna Every One contro la mortalità infantile - Ogni anno 6,6 milioni di bambini muoiono prima di aver compiuto 5 anni per cause facilmente prevenibili e curabili. Per questo Save the Children nel 2009 ha lanciato Every One, la sua più grande campagna mondiale per dire basta alla mortalità infantile. Questo rapporto riassume i risultati ottenuti dal 2009 al 2012, risultati che ci indicano che la strada intrapresa è quella giusta.

7°Rapporto “I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia”   CRC.

7°Rapporto “I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia” CRC.

Il 7°Rapporto su “I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia” a cura del Gruppo CRC, fa emergere la difficoltà cronica da parte delle istituzioni di “mettere a sistema” le politiche per l’infanzia e l’adolescenza nel nostro Paese, così come continuano a essere tagliati in modo significativo i fondi dedicati, come è accaduto nell’ultima Legge di Stabilità.

A chance to reach every child

A chance to reach every child

I bambini in zone rurali hanno il 50% in meno di possibilità di essere vaccinati rispetto a coloro che vivono in centri urbani; tale possibilità è 3 volte inferiore per i bambini che appartengono al quintile più povero della popolazione rispetto a quelli del quintile più ricco. In alcuni dei paesi più poveri del mondo la quota di popolazione infantile coperta dalle vaccinazioni non supera il 20%. Questi alcuni dei dati contenuti in A chance to reach every child.

Accesso Vietato

Accesso Vietato

Operatori sanitari di comunità, dottori, infermieri e ostetriche sono figure indispensabili alla vita di milioni di bambini. eppure nel mondo si osserva una grave carenza di operatori sanitari e per questo motivo molti bambini muoiono ogni giorno.
Adulti a posto: procedura generale per la segnalazione e la gestione di un sospetto maltrattamento

Adulti a posto: procedura generale per la segnalazione e la gestione di un sospetto maltrattamento

A livello operativo, Adulti a Posto prevede l’adozione di un Sistema di Segnalazione e Risposta del sospetto di abuso condiviso e conosciuto da tutti gli adulti di riferimento e da tutti i minori beneficiari delle sue attività, che possono così anche accrescere la loro consapevolezza dei diritti che devono essere tutelati e dei possibili rischi di abuso. Il Sistema è basato su semplici meccanismi, che garantiscono la tempestività e il necessario livello di riservatezza della segnalazione, e sull’identificazione in ogni luogo, contesto o settore di attività, di precise figure di riferimento, opportunamente preparate e note a tutti, che hanno il compito di raccogliere le segnalazioni e l’obbligo di darvi seguito in linea con la Policy stessa e la legislazione nazionale.

Building Hope in Haiti

Building Hope in Haiti

A due anni dal terremoto che ha sconvolto Haiti, questo rapporto sintetizza l’intenso lavoro che Save the Children sta portando avanti nelle aree più colpite di Port-au-Prince, Leogane, Jacmel, Petit e Grande Goâve, Maissade e Dessaline nell'Artibonite, sin dalle ore successive al sisma quando tutto il mondo assistette in diretta al salvataggio della piccola Winnie, tratta dalle macerie dopo 3 giorni grazie all'intervento di una troupe australiana e affidata a Save the Children per le prime cure.
Centro Giovani Online – Rapporto attività 2011

Centro Giovani Online – Rapporto attività 2011

Il Centro Giovani Online nasce nel 2004 dalla collaborazione tra Adiconsum e Save the Children, per promuovere un uso responsabile e consapevole dei Nuovi Media da parte dei minori. Questo rapporto passa in rassegna le molteplici attività realizzate dal Centro nel 2011: dalla creazione e l’avvio dei lavori
del Comitato Consultivo agli interventi educativi rivolti a ragazzi, insegnanti e genitori con il coinvolgimento delle scuole e degli enti locali; dal lavoro di informazione alla preparazione del Safer Internet Day, l’evento maggiore promosso dal Centro.
Consapevolezza e sensibilità degli italiani sul tema della mortalità infantile nel mondo

Consapevolezza e sensibilità degli italiani sul tema della mortalità infantile nel mondo

Obiettivo di questa ricerca quantitativa è di testare il grado di consapevolezza e la sensibilità degli italiani sul tema della mortalità infantile nel mondo.