Pubblicazioni

15° Rapporto sullo Stato delle Madri nel Mondo

15° Rapporto sullo Stato delle Madri nel Mondo

Ancora una volta il Nord Europa è in testa allo Stato delle madri nel Mondo di Save the Children, la classifica dei Paesi dove lo stato di salute della madre, il livello di istruzione, le condizioni economiche, politiche e sociali garantiscono il benessere alle mamme e ai loro figli. Sono infatti Finlandia, Norvegia e Svezia che si aggiudicano il podio. Al contrario sono tutti dell’Africa sub-sahariana, quelli che si collocano in fondo alla classifica, con i coda la Somalia, preceduta dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC) e, a pari merito, da Niger e Mali, che ottengono punteggi molto scarsi.

18 anni... in Comune! (Edizione giugno 2014)

18 anni... in Comune! (Edizione giugno 2014)

Nuova edizione della Guida “18 anni in Comune” i tuoi passi verso la cittadinanza - L’aggiornamento informa, nell’ambito della Campagna 18 anni in Comune, promossa da Save the Children, Anci e Rete G2 – Seconde Generazioni, i ragazzi e le ragazze di origine straniera nati in Italia sulle modalità di acquisto della cittadinanza italiana una volta compiuti i diciotto anni.

5° Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia, anno 2011-2012

5° Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia, anno 2011-2012

Con la pubblicazione del 5° Rapporto di aggiornamento il Gruppo CRC intraprende un nuovo ciclo di monitoraggio dell’attuazione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (CRC) in Italia e dei suoi Protocolli Opzionali. Negli oltre dieci anni di lavoro comune, la partecipazione al Gruppo CRC è stata allargata a nuove associazioni, consentendo così di ampliare il monitoraggio sui diritti dell’infanzia a nuove tematiche. I Rapporti CRC hanno un’ampia distribuzione su tutto il territorio nazionale e rappresentano un punto di riferimento – per i contenuti aggiornati e i riferimenti puntuali a norme e prassi - non solo per le associazioni ma anche per le istituzioni e gli operatori del settore.
5°Atlante dell'Infanzia (a rischio)

5°Atlante dell'Infanzia (a rischio)

Sempre meno spazi e opportunità per i bambini, stretti fra indigenza (oltre 1.4 milioni in povertà assoluta), la vita in aree metropolitane (dove si concentra il 37% dei minori) spesso prive di servizi, una scuola “dimezzata” (tempo pieno per non più del 50% di scuole), questi solo alcuni dei dati documentati nel 5°Atlante dell’Infanzia. 

Abruzzo: un anno dopo il terremoto

Abruzzo: un anno dopo il terremoto

L'esperienza sul campo di Save the Children e le voci dei bambini. Dati, testimonianze, condizioni di vita un anno dopo il terremoto.
Abuso sessuale dei minori e nuovi media: spunti teorico-pratici per gli operatori

Abuso sessuale dei minori e nuovi media: spunti teorico-pratici per gli operatori

L’avvento di internet e delle nuove tecnologie ha cambiato lo scenario di un fenomeno non nuovo: l’abuso sessuale dei minori.  In rete circolano migliaia di immagini e video pedopornografici spesso facilmente accessibili; il materiale può essere prodotto utilizzando cellulari o videocamere, caricato in rete o prodotto direttamente online tramite l’utilizzo delle webcam. Questa pubblicazione approfondisce il tema dell’abuso sessuale online dei minori e promuove una metodologia di intervento multidisciplinare per il contrasto del fenomeno e la presa in carico dei minori vittime.
Accesso Vietato

Accesso Vietato

Operatori sanitari di comunità, dottori, infermieri e ostetriche sono figure indispensabili alla vita di milioni di bambini. eppure nel mondo si osserva una grave carenza di operatori sanitari e per questo motivo molti bambini muoiono ogni giorno.
Accoglienza e tutela dei diritti dei minori nel Centro di Lampedusa

Accoglienza e tutela dei diritti dei minori nel Centro di Lampedusa

Un dossier di Save the Children fa il punto sulla tutela e accoglienza dei minori migranti a Lampedusa, e dice no a espulsioni prima che sia accertato che il migrante non sia minorenne.
Il dossier è anche in disponibile in lingua inglese.
Adulti a posto: procedura generale per la segnalazione e la gestione di un sospetto maltrattamento

Adulti a posto: procedura generale per la segnalazione e la gestione di un sospetto maltrattamento

A livello operativo, Adulti a Posto prevede l’adozione di un Sistema di Segnalazione e Risposta del sospetto di abuso condiviso e conosciuto da tutti gli adulti di riferimento e da tutti i minori beneficiari delle sue attività, che possono così anche accrescere la loro consapevolezza dei diritti che devono essere tutelati e dei possibili rischi di abuso. Il Sistema è basato su semplici meccanismi, che garantiscono la tempestività e il necessario livello di riservatezza della segnalazione, e sull’identificazione in ogni luogo, contesto o settore di attività, di precise figure di riferimento, opportunamente preparate e note a tutti, che hanno il compito di raccogliere le segnalazioni e l’obbligo di darvi seguito in linea con la Policy stessa e la legislazione nazionale.

Adulti a posto: un sistema di tutela di bambine, bambini e adolescenti da maltrattamenti, abusi o sfruttamento

Adulti a posto: un sistema di tutela di bambine, bambini e adolescenti da maltrattamenti, abusi o sfruttamento

Adulti a posto è un sistema basato su di una precisa Policy di riferimento, prevede: un criterio specifico nella selezione del personale, l’adozione di un Codice di Condotta rispetto alla tutela dei minori conosciuto e sottoscritto da tutti gli adulti che operano a contatto con bambine, bambini e ragazzi, all’interno della propria organizzazione e di quella di eventuali partner coinvolti, la formazione e sensibilizzazione del personale sul tema dei diritti e della tutela dei minori e la valutazione preventiva dei possibili specifici rischi di abuso relativamente al tipo di attività svolta.