Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Diventa Dialogatore

 
 

Come diventare dialogatore

 

 

Cambia la tua vita e quella degli altri, diventando dialogatore potrai impegnarti in un lavoro utile, stimolante e dinamico. Credere in un cambiamento positivo e duraturo, raccontare che ognuno di noi può essere l’artefice del futuro positivo di tante persone.

Questo è lo spirito che anima i dialogatori di Save the Children, che scelgono la raccolta fondi come professione per garantire opportunità a tanti bambini che oggi vedono i loro diritti negati o addirittura calpestati, e offrono speranza, assicurando loro cibo, acqua, educazione e protezione in tante realtà nel mondo e in Italia.

Lavorerai insieme ad altre persone, con un team leader che coordinerà il tuo lavoro nei luoghi di maggior flusso delle città di Roma e Milano, l’ufficio di coordinamento del f2f di Save the Children ti supporterà con tutto il materiale e la formazione necessaria.

Chi sono i dialogatori

 

 

Il dialogatore è un professionista della raccolta fondi, svolge la fondamentale attività di ricerca di nuovi donatori regolari, ovvero persone che donino mediante una domiciliazione bancaria o con carta di credito. Save the Children è sostenuta per il 90% da fondi privati e senza l’aiuto regolare di migliaia di persone i nostri programmi a sostegno dell’infanzia non sarebbero sostenibili.

Il lavoro dei dialogatori si svolge nelle strade, nelle piazze principali delle città, all’interno di centri commerciali o in occasione di eventi , è il principale contatto diretto dell’associazione con i potenziali sostenitori, armato di pettorina, passione per il lavoro di Save the Children, tenacia e determinazione, ferma più persone possibili per coinvolgerle e farli innamorare dell’organizzazione. Grazie al suo lavoro i nostri progetti diventano realtà e possiamo produrre cambiamenti duraturi e sostanziali nella vita di tanti bambini.

 

Informazioni importanti

  • I dialogatori che svolgono quest'attività di raccolti fondi, in strada o tramite porta a porta, per Save the Children, hanno fornito una comunicazione alla Questura della città in cui si trovano e sono stati autorizzati dal Comune. Se stanno invece lavorando in uno spazio privato, hanno ottenuto regolare concessione.
  • I dialogatori non chiedono mai donazioni in contanti, ma sempre e soltanto tramite RID bancario o carta di credito. In caso contrario, ti preghiamo di segnalarci tempestivamente l'episodio.
Rita Rossi

Per maggiori informazioni o segnalazioni riguardo i Dialogatori contatta Rita Rossi allo 06.4807.0043, o scrivi a: rita.rossi@savethechildren.org

 

Per candidarti consulta la pagina Lavora con noi

 

Save the Children ha firmato, insieme alle maggiori organizzazioni internazionali presenti in Italia, un documento di Buone Prassi per garantire la massima affidabilità, trasparenza e sicurezza del dialogo diretto ai nostri sostenitori, alle organizzazioni e ai dialogatori stessi.

 

 

 

I dialogatori lavorano per un programma di raccolta fondi chiamato a livello internazionale "face to face", ma meglio conosciuto in Italia come "dialogo diretto". Svolgono per le organizzazioni un lavoro prezioso, il cui obiettivo è quello di acquisire una rete di donatori che possano sostenere con continuità l’ organizzazione attraverso una donazione regolare tramite domiciliazione bancaria o addebito automatico su carta di credito. In questo modo, Save the Children può assicurare una sostenibilità concreta ai nostri progetti. Il punto di forza del face to face è proprio il contatto personale che il potenziale sostenitore ha con il dialogatore.

Conosci i nostri dialogatori

 

 

L’attività del dialogatore consiste nello spiegare con cura i nostri progetti, informando e sensibilizzando la persona che si ha davanti sulle condizioni di vita dei bambini nel mondo per promuovere infine una modalità di sostegno regolare. Attraverso informazioni accurate e dettagliate sulle nostre attività, il dialogatore può costruire le basi di un solido rapporto di fiducia tra la persona e l’ organizzazione.
I nostri dialogatori sono facilmente riconoscibili dalla pettorina che indossano (in inverno hanno giacche antivento) e dal cartellino identificativo con il logo di Save the Children e dell'agenzia esterna per la quale effettivamente lavorano. Sul cartellino c’è anche la loro foto e il loro nominativo. La loro attività è retribuita

 

La voce dei dialogatori: vi presentiamo una delle dialogatrici del nostro staff

Dove trovarli

 

 

I nostri dialogatori lavorano tutto l'anno, tramite porta a porta, nelle piazze principali, negli eventi o all'interno di centri commerciali delle città di Roma, Milano, Bologna, Genova, Verona, Torino, Pescara, Padova, Bari, Parma, Napoli, Varese e Firenze. Per svolgere al meglio la loro attività si spostano anche in centri più piccoli del Lazio, della Toscana, del Piemonte, dell'Emilia Romagna, del Veneto, della Liguria e della Lombardia. Occasionalmente sono anche in altre zone d'Italia.


Scopri dove trovare i nostri dialogatori questo mese