Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

13 maggio 2014

Mense scolastiche, Save the Children, monitoraggio in 36 comuni: differenze enormi nei criteri di accesso e nelle tariffe con rischio discriminazione per molti bambini.

A Vigevano, Brescia e Campobasso le peggiori prassi, a Genova e Bari le migliori prassi
 E su Vigevano da oggi una petizione online di Save the Children (www.illuminiamoilfuturo.it/petizione) per chiedere al Sindaco mensa gratis a scuola per i bambini più disagiati. L’iniziativa nell’ambito di “Illuminiamo il Futuro”, la Campagna di Save the Children per dare educazione e speranza a migliaia di bambini in povertà educativa

La mensa non è uguale per tutti. Su 36 comuni presi in esame1, dal nord al sud Italia, rispetto ai servizi di refezione scolastica delle scuole primarie, ogni comune si regola diversamente per le tariffe, le eventuali esenzioni o riduzioni e in caso di morosità: Vigevano, Brescia e Campobasso le prassi peggiori, con le rette tra le più alte d’Italia, nessuna esenzione anche per famiglie in difficoltà ed esclusione immediata del bambino dalla mensa in caso di morosità dei genitori.

Sono alcune delle evidenze del “Monitoraggio dei servizi di refezione scolastica nei maggiori comuni italiani"2, realizzato per il secondo anno da Save the Children e diffuso oggi, nell’ambito della campagna “Illuminiamo il Futuro” per dare educazione e speranza ai bambini stretti nella morsa delle povertà: 3 settimane di sensibilizzazione e raccolta fondi fino al 1° giugno, anche attraverso l’sms 45509 (www.illuminiamoilfuturo.it).

“La presenza della mensa a scuola concorre a garantire un’adeguata offerta di servizi e opportunità formative per un bambino. Per questa ragione Save the Children ha deciso per il secondo anno di realizzare un monitoraggio delle mense nei principali comuni e ha voluto includere le mense nell’Indice di povertà educativa IPE diffuso ieri, in occasione del lancio della campagna Illuminiamo il Futuro, a contrasto della povertà educativa in Italia. L’Indice segnala una diffusione del servizio che varia da regione a regione, con gravi carenze in alcune di esse. Il presente monitoraggio documenta invece la varietà e diversità dei criteri di accesso, anche laddove il servizio mensa sia disponibile, con il risultato che un bambino, a seconda del territorio in cui vive, può avere o non avere la mensa a scuola oppure averla ma magari troppo costosa per la sua famiglia”, spiega Raffaela Milano, Direttore dei Programmi Italia-Europa Save the Children Italia, l’Organizzazione dedicata dal 1919 a salvare la vita dei bambini e difendere i loro diritti.

“La mensa scolastica deve diventare un diritto di base garantito a tutti i bambini, secondo standard di qualità certificati”, prosegue. “Il momento del pasto alla mensa scolastica è estremamente importante per ogni bambino e in particolare per chi vive in condizioni di povertà, perché garantisce un pasto completo almeno una volta al giorno, è una occasione di convivialità, di educazione alimentare, oltre a permettere l’apertura pomeridiana della scuola e il contrasto alla dispersione scolastica ”.
 

Le differenze dei requisiti per essere ammessi a mensa

A Vigevano, Brescia, Adro, Trento, Padova, Parma, Campobasso, Salerno e Palermo non è prevista  l’esenzione dal pagamento della quota di contribuzione al servizio mensa pur in presenza di redditi molto bassi o di situazioni di disagio per le famiglie non prese in carico dai servizi.

Ma anche in quei comuni dove  l’esenzione è prevista, nè i criteri nè la soglia di accesso sono omogenei. Si va da un’esenzione basata su un tetto ISEE3 di 0 Euro a Perugia fino a Potenza che prevede un’esenzione completa per i nuclei con ISEE fino a 8.000,00 Euro e Trieste fino a 7.250 Euro.

Alcuni comuni inoltre prevedono esenzioni dal pagamento per famiglie particolarmente svantaggiate, in cui sia sopravvenuta per esempio una disoccupazione, come nel caso dei comuni di Genova, Bari e Cagliari. I comuni di Verona, Reggio Emilia, Vigevano, Brescia, Genova, Napoli, Perugia, Torino, Aosta, Udine, Catania e Sassari esonerano dal pagamento della mensa i minori segnalati dai servizi sociali. Nel caso di Genova ne sono esenti anche i figli di rifugiati o di famiglie particolarmente numerose, come previsto anche dai comuni di Verona, Ancona e Bari. A Lecce non pagano la mensa anche i bambini delle comunità rom, al fine di favorirne l’integrazione.

Rispetto al quantum della contribuzione, benché tutti i comuni mappati prevedano una modulazione delle tariffe in base al reddito4 e a particolari condizioni del bambino (per esempio in adozione, affidamento o segnalato dai servizi sociali) e della famiglia saltano all’occhio le notevoli differenze da città a città. Si va da una tariffa minima mensile di 5 Euro a Napoli, 7 Euro a Salerno fino a 72 Euro a Vigevano, 66 Euro a Brescia e 53 Euro a Campobasso
 

In generale, rispetto al monitoraggio effettuato l’anno scorso, non si riscontrano aumenti significativi di tariffe con l’eccezione di Udine, +15% e di Catanzaro dove le rette, pur restando nella media, sono raddoppiate.

Si conferma invece anche quest’anno per la maggioranza dei comuni - 25 su 36 - la cattiva prassi di escludere da esenzione o riduzione della contribuzione i bambini non residenti nel comune di riferimento5

“In considerazione del fatto che tutti i minori sono titolari degli stessi diritti, il criterio della residenza può avere effetti discriminatori nei confronti dei bambini che non risiedono in quel territorio, che poi, spesso, sono figli di genitori migranti o provengono da famiglie più in difficoltà che vivono fuori dei centri cittadini”, spiega Antonella Inverno, Responsabile Area Legale di Save the Children Italia.

E tornano in evidenza anche quest’anno i casi di esclusione dei bambini dal servizio di refezione nel caso di genitori morosi nei pagamenti, nei comuni di Vigevano, Brescia, Adro, Crotone, Campobasso e Lecce.

Particolarmente critica la situazione a Vigevano, dove basta che una sola retta non sia pagata perché il bambino venga escluso dalla mensa e dove il debito contratto dai genitori di un alunno viene considerato un “debito familiare”, con la conseguenza che tutti i fratelli vengono esclusi dal servizio, anche se la morosità riguarda solo  uno di loro.
 
“La cattiva prassi dell’esclusione dei bambini dal servizio mensa laddove i genitori non siano in regola con il pagamento trasforma il pasto da fattore di integrazione a occasione di stigmatizzazione. A Crotone, per esempio, i bambini sono costretti  a scegliere fra consumare i pasti, spesso un panino, in aula da soli o lasciare l’edificio. Ciò amplifica la percezione dei divari sociali e il senso di esclusione nei bambini. E’ giusto richiedere il pagamento laddove ci sia una morosità, ma la rivalsa nei confronti dei genitori va esercitata in altro modo, non deve pesare sui bambini”, prosegue Antonella Inverno.

“Incrociando e raffrontando i risultati del monitoraggio i comuni di Vigevano, Brescia e Campobasso si segnalano per le peggiori prassi”, commenta Raffaela Milano. “Hanno tra le tariffe mensili più alte d’Italia, non prevedono alcun tipo di esenzione per redditi più bassi e nonostante ciò e la mancanza di agevolazioni i minori figli di genitori morosi vengono esclusi dall’accesso al servizio6. Al contrario è apprezzabile l’approccio positivo e inclusivo dei comuni di Genova e Bari che applicano criteri agevolativi a sostegno delle famiglie più in difficoltà”.

La petizione al Comune di Vigevano

E rispetto a Vigevano Save the Children ha deciso di sostenere alcuni genitori e di promuovere una petizione online (www.illuminiamoilfuturo.it/petizione) rivolta al Sindaco del comune, in cui si chiede che la mensa a scuola sia gratuita per i bambini più poveri e che sia ritirata la delibera 51/2012 che impone alle famiglie con i redditi più bassi il pagamento del servizio e stabilisce che basta che non si paghi anche una sola retta (120€ a fascia massima) perché il bambino sia escluso dal servizio e costretto a consumare il pranzo portato da casa in una stanza separata, lontano dai propri compagni o addirittura a tornare a casa.
 

“Vigevano si segnala in negativo fra i comuni monitorati per dei criteri di accesso al servizio di refezione così restrittivi e penalizzanti da diventare discriminatori nei confronti dei bambini di famiglie in difficoltà. Si tratta di decisioni che ledono il diritto all’istruzione e alla salute, sancito dalla Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia”, spiega ancora Antonella Inverno.

“La petizione si inserisce nella campagna Illuminiamo il Futuro lanciata da Save the Children per contrastare  l’allarmante deficit di opportunità educative per le nuove generazioni. L’obiettivo dell’iniziativa è fare pressione sull’amministrazione di Vigevano ma anche promuovere un cambiamento a livello nazionale:  il servizio mensa deve essere garantito gratuitamente a tutti i bambini in condizioni di povertà, su tutto il territorio nazionale. Vogliamo che l’accesso alla mensa sia considerato un livello essenziale delle prestazioni sociali per l’infanzia, nel rispetto del titolo V della Costituzione”, conclude Raffaela Milano.


Uno specchietto con le migliori e peggiori prassi è al link:

http://images.savethechildren.it/f/download/pr/prassimense.pdf



Foto di bambini e famiglie in situazione di disagio, dei punti luce di Save the Children, dei testimonial della campagna “Illuminiamo il Futuro” (Cesare Bocci, Alessio Boni, Gianrico Carofiglio, Simona Cavallari, Irene Ferri, Alessandro Florenzi, Vinicio Marchioni, Anna Valle) e la locandina della campagna al link:
http://media.savethechildren.it/?c=151&k=9a50a6b712

 

Per ulteriori informazioni:
Ufficio stampa Save the Children Italia
06-48070023-81-63-71 (338 7518129 Emanuela Salvatori,  345 5508132 Michele Prosperi,  333 7478171 Tonia Esposito, 340 4717515 Alessia Maida)
press@savethechildren.it
www.savethechildren.it
#illuminiamoilfuturo


La Campagna “Illuminiamo il Futuro”

L’idea creativa, le iniziative e i testimonial

L’idea creativa della Campagna “Illuminiamo il Futuro” è a firma dell’agenzia Grey/United.  La creatività si sviluppa intorno al concetto dell’educazione come un cono di luce che può illuminare il futuro di bambini e adolescenti. L’immagine-simbolo della campagna è quindi  una lampada rossa che proietta la sua luce sulla strada percorsa da un bambino, illuminando, tra l’altro ora una chitarra, ora un canestro, ora una bella stanza con un operatore, a richiamare i Punti Luce che Save the Children sta creando in tutt’Italia, in collaborazione con una rete di partner.

Partita il 12 maggio, la Campagna “Illuminiamo il Futuro” si dispiegherà fino al  1° giugno con attività di sensibilizzazione, comunicazione e raccolta fondi, tra cui: la diffusione del Dossier “La Lampada di Aladino -L’Indice di Save the Children per misurare le povertà educative e illuminare il futuro dei bambini in Italia” ; la veicolazione della campagna pubblicitaria ideata dall’agenzia Grey/United: uno spot video e audio, l’annuncio stampa, affissioni; dal 12 al 18 maggio una settimana di sensibilizzazione in Rai, con la promozione della campagna nei principali programmi del palinsesto; il coinvolgimento di un gruppo di testimonial quali Cesare Bocci, Alessio Boni, Gianrico Carofiglio, Simona Cavallari, Irene Ferri, Alessandro Florenzi, Vinicio Marchioni,  Anna Valle: il loro supporto alla campagna in un video e negli scatti del noto fotografo Fabio Lovino; attività di comunicazione digital attraverso, tra l’altro, il video virale “La prima volta” che racconta e fissa nelle immagini quei momenti unici che sono la prima volta che si suona il pianoforte, che si vede il mare, che si dipinge, che si vede un gattino. Esperienze che non tutti i bambini hanno l’opportunità di fare, ma fondamentali per lo sviluppo della propria personalità e a cui può talvolta dare accesso un’adeguata educazione e formazione.


Il numero unico solidale 45509 a sostegno della campagna
Fino al 1° giugno sarà possibile donare 2 euro inviando un sms dai cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce e Nòverca o chiamando da rete fissa TeleTu e TWT. Sarà inoltre possibile donare 2 o 5 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb.

 

I fondi raccolti serviranno a finanziare i Punti Luce e le doti educative.

Per aderire alla Campagna “Illuminamo il Futuro”, al suo Manifesto e scoprire le città dove sono attivi i Puti Luce di save the Children: www.illuminiamoilfuturo.it.

                                                                                                                                                                                                                                       

I partner di “Illuminiamo il Futuro”
I partner strategici

Molte le associazioni e gli enti che hanno deciso di sostenere la Campagna: Associazione Culturale Pediatri (ACP),  Associazione Nazionale dei Pedagogisti Italiani (ANPE), ATI Campi Avventura -Vacanze Natura, Coordinamento Italiano contro gli abusi e il Maltrattamento per l'Infanzia (CISMAI), Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali (CNOAS), Centro Sportivo Italiano (CSI), Federazione Nazionale Insegnanti (FNISM), Legambiente, Libera, Società Italiana di OdontoiatriaInfantile (SIOI), Società Italiana di Pediatria (SIP), Unione Cattolica Italiana Insegnanti, Dirigenti, Educatori e Formatori (UCIIM), Unione Italiana Sport per Tutti (UISP)

I partner di progetto
A fianco di Save the Children nell’implementazione delle attività a contrasto della povertà educativa, in particolare dei nuovi Punti Luce: associazione Mama happy, Centro Sportivo Italiano (CSI)-Catania, Associazione Inventare Insieme, Associazione don Milani-Libera, Unione Italiana Sport per Tutti (UISP)-Genova.

Aziende
Numerose anche le aziende che hanno deciso di sostenere la campagna e le attività dei Punti Luce: Euronics, Gruppo Credem, IKEA, OVS, Poste Vita, Reckitt Benckiser, oltre agli operatori telefonici: TIM, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopoVoce, Nòverca, Telecom Italia, Infostrada, Fastweb, TeleTu e TWT.

 

Dal 2 al 31 maggio sarà possibile sostenere “Illuminiamo il Futuro” in tutti i negozi OVS donando direttamente alle casse oppure acquistando uno dei prodotti selezionati per questa iniziativa da Alessia Marcuzzi, madrina della partnership. La rete commerciale OVS, inoltre, diventerà un canale di  comunicazione e sensibilizzazione del grande pubblico attraverso la promozione di video e materiale informativo sulla campagna.

 

Dall’8 maggio all’8 giugno sarà inoltre possibile supportare la campagna in tutti i punti vendita di Euronics attraverso l’acquisto di una donor card di 2 euro o donando, sempre 2 euro, direttamente alle casse. Anche nel caso di Euronisc, la rete commerciale dell’azienda sarà attivamente coinvolta nella sensibilizzazione del pubblico attraverso la promozione di video e materiale informativo sulla campagna.

 

Partner di comunicazione
IGP  Decaux, The Family, Grey/United, RDS, Rocco Patella, La7, Segretariato Sociale Rai, Autostrade, Dotnext.

 

 

 



1 Si tratta di tutti i capoluoghi di regione e dei principali capoluoghi di provincia, oltre ad alcuni centri più piccoli quali Vigevano (pv di Pavia), Adro (pv di Brescia) e Crotone.

2 Per tutte le città mappate i criteri presi in esame sono stati: esenzione, riduzione, tariffa minima/massima, tetto ISEE per usufruire dell’esenzione o della riduzione, azioni previste in caso di insolvenza e restrizioni nell’accesso alle agevolazioni. I dati sono stati raccolti sia attraverso la consultazione dei siti internet delle amministrazioni locali che attraverso contatti diretti telefonici, quando tali dati non risultavano disponibili pubblicamente on-line

3  Indicatore della situazione economica equivalente. L’Isee è uno strumento che consente di calcolare la situazione economica delle famiglie mediante l’analisi del reddito, del patrimonio mobiliare e immobiliare, delle caratteristiche del nucleo familiare.

4 Unica eccezione i comuni di Potenza e de L’Aquila i quali però sono tra quelli che prevedono una soglia ISEE di accesso all’esenzione tra le più alte.

5 Soltanto i comuni di Firenze, Roma, Vigevano, Salerno, Potenza, Bari,Cagliari, Palermo, Napoli, Trento e  Reggio Calabria  prevedono un trattamento completamente paritario. A Genova, Lecce e Sassari il trattamento differenziato per motivi di residenza viene meno qualora i minori siano simultaneamente in possesso di altri requisiti (es. iscrizione al servizio di refezione scolastica di più di un figlio, minori in accoglienza, segnalati dai servizi o con disabilità).

6  L’esenzione prevista in alcuni casi per i minori segnalati dai servizi sociali non appare essere esaustiva, in quanto non tiene conto di quei nuclei sconosciuti alla rete dei servizi, ma che vivono in condizione di povertà.