Accesso a servizi di educazione e protezione per i minori migranti egiziani

Perché

Alessandria d'Egitto ospita oltre 9.600 bambini rifugiati e richiedenti asilo registrati, inclusi i minori non accompagnati. L'accesso ai servizi pubblici è limitato e i problemi legati alla protezione dell'infanzia vanno dall'abuso sessuale alle molestie, alla violenza, al matrimonio precoce e alla perdita/ mancanza di documenti ufficiali. I bambini che vivono questa condizione non hanno l'opportunità di accedere a servizi educativi sicuri e di qualità e sono spesso emarginati dalle comunità. 

Che cosa

l progetto è collegato alle priorità europee sulla crisi dei rifugiati e il suo obiettivo a lungo termine è quello di migliorare i servizi per rifugiati emarginati, richiedenti asilo e migranti ad Alessandria d'Egitto, aumentando l'accesso ai servizi di protezione dell'infanzia e a quelli educativi e migliorando i livelli di coesione sociale. Affrontando queste tematiche chiave l'intervento promuoverà la realizzazione dei diritti dei rifugiati e aumenterà la loro capacità di far fronte alla loro situazione, diminuendo la pressione sul paese ospitante.

Attività principali e alcuni risultati raggiunti

  • Abbiamo fornito supporto psicologico da 187 minori e 202 adulti attraverso sessioni individuali e terapia di gruppo.
  • 207 bambini hanno partecipato il metodo H.E.A.R.T., un programma di supporto psico-sociale attraverso l'espressione artistica.
  • 4 centri di apprendimento sono stati ristrutturati e forniti con delle biblioteche digitali.
  • Abbiamo distribuito 650 kit scolastici agli studenti e 500 kit ai bambini dei Centri comunitari di apprendimento. 
  • 44 genitori hanno ricevuto una formazione sul miglioramento delle capacità di lettura e scrittura dei propri figli a casa.

*I dati qui pubblicati si riferiscono al periodo che va dall'inizio del progetto all'ultimo aggiornamento disponibile.