Salta al contenuto della pagina

Combattere la malnutrizione intergenerazionale

Perché

In India ci sono 46 milioni di minori denutriti, il 31% del numero globale. La denutrizione contribuisce, direttamente o indirettamente, a quasi la metà della mortalità al di sotto dei cinque anni, dato che è correlata ad un rischio maggiore di malattie infantili.

Che cosa

L'ambizione di Save the Children è quella di lavorare a Mumbai per ottenere progressi significativi sul tema della malnutrizione infantile e della salute e dei servizi per adolescenti. I pilastri chiave del progetto sono:

  • Rafforzamento del sistema sanitario e nutrizionale
  • Miglioramento dell'accesso ai servizi sanitari e nutrizionali per le comunità più svantaggiate ed emarginate, attraverso un intervento intersettoriale e la partecipazione della comunità
  • Miglioramento del comportamento di ricerca della salute
  • Capacitare le comunità per richiedere servizi sanitari e nutrizionali migliori

Attività principali e alcuni risultati raggiunti

Alcune delle principali attività:

  • Rafforzamento della copertura dei servizi per la salute materna e la nutrizione attraverso piattaforme come le Case Maternità, i Posti di Salute Urbana, i Centri Anganwadi
  • Identificazione precoce dei casi ad alto rischio durante la gravidanza e il periodo post-natale, delle malattie critiche tra i bambini e della loro gestione in collaborazione con i sistemi sanitari governativi
  • Rafforzamento delle capacità dei Gruppi di Supporto da Madre a Madre (MSG) per agire come gruppi di supporto tra pari e contribuire alla sensibilizzazione sulla salute materna e la nutrizione nella comunità Attività
  • Gestione dei bambini SAM attraverso pratiche alimentari e di cura locali aumentate a domicilio e collegamento dei bambini gravemente malnutriti (con complicazioni) con i Centri di Riabilitazione Nutrizionale Attività
  • Formazione e sviluppo delle capacità di gruppi di adolescenti e di ambasciatori degli adolescenti per diffondere la consapevolezza e influenzare i loro coetanei ad adottare pratiche e comportamenti sani