Protezione dei bambini di strada

accampamento temporaneo in Afghanistan

Perché

In Afghanistan i bambini di strada sono esposti ad un alto rischio di sfruttamento economico, abuso sessuale e violenza. Molti di loro provengono da famiglie sfollate a causa del conflitto o dei disastri naturali, altri sono bambini migranti che hanno subìto un rimpatrio forzato dai paesi limitrofi o bambini fuggiti da situazioni di sfruttamento/abuso domestiche. Nelle strade di Balkh e Nangarhar, due province in cui realizziamo progetti, c'è un alto tasso di giovani di età inferiore ai 18 anni che, socialmente isolati e privi di opportunità di guadagno legittimo, corrono un rischio elevato di reclutamento da parte dei gruppi estremisti. I bambini di strada lottano ogni giorno per la sopravvivenza poiché vengono privati di diritti essenziali come un’adeguata nutrizione, salute, educazione o protezione. La povertà infantile e la vulnerabilità nell’impegnarsi in attività dannose per le strade sono multidimensionali e strettamente intrecciate con il modo in cui sono organizzate le risorse e la forza lavoro della famiglia, spingendo i bambini a cercare lavoro per strada ed aumentandone la vulnerabilità. 

Che cosa

L’obiettivo generale del progetto è quello di dare un’opportunità di vita migliore a bambini e bambine che lavorano in strada. In quest’ottica, miriamo a ridurre la povertà e la vulnerabilità dei bambini di strada più emarginati, come quelli con disabilità, aumentando l'accesso ai servizi di base. Al tempo stesso lavoreremo per sensibilizzare le famiglie sui diritti dei minori e scoraggiare l’accettazione e il ricorso a lavori pericolosi per i loro figli. L’intervento ha lo scopo di affrontare sia le cause che le conseguenze della povertà, offrendo ai bambini di strada la possibilità di un futuro diverso. Ci concentreremo sui tre principali bisogni di base dei minori che lavorano in strada, incentrando i nostri sforzi su programmi di formazione professionale, il rafforzamento dei servizi di protezione e delle capacità delle famiglie, meccanismi di deferimento e attività di advocacy per affrontare le complesse questioni economiche e sociali che derivano dai problemi interni al nucleo familiare, stress, povertà cronica e mancanza di rispetto dei diritti dei bambini. Puntiamo anche a focalizzarci sul supporto e la sensibilizzazione dei genitori, così che possano sostenere la crescita e lo sviluppo dei loro figli, mettendoli al riparo dai rischi che la strada ha in serbo per loro.

Attività principali e alcuni risultati raggiunti 

  • 100 ragazzi e ragazze hanno partecipato ai nostri corsi di formazione professionali nell'ultimo anno.
  • Il 74% dei partecipanti ai nostri precedenti corsi di formazione professionali ha poi trovato un impiego dignitoso entro tre mesi dalla fine del corso.
  • 140 bambini e bambine coinvolti in attività lavorative nocive sono stati individuati e iscritti a scuola.
  • 97 genitori sono stati formati relativamente alla protezione e ai diritti dei minori. 
  • Abbiamo offerto supporto psico-sociale a 97 bambini e ragazzi, 37 dei quali tramite modalità di supporto a distanza a causa delle restrizioni dovute alla pandemia.
  • Abbiamo raggiunto 3,100 persone attraverso un programma di sensibilizzazione sulla prevenzione del Covid-19, il 40% dei quali erano bambini e bambine.


*I dati qui pubblicati si riferiscono al periodo che va dall'inizio del progetto all'ultimo aggiornamento disponibile.