Le testimonianze dell'Adozione a Distanza

Ora nella nostra famiglia c'è anche Brian!

Quando arrivano le fotografie e i disegni di Brian sono veramente contenta. Spero di riceverne sempre di più per poterlo conoscere meglio. Ho capito che è un bambino gioviale e questo mi rallegra.

Ormai fa parte della mia vita e ne parlo in famiglia come se lui fosse qui con noi. Spero di poterlo seguire per molto tempo e che altre persone possano fare quel poco che faccio io. Vorrei che Brian sapesse che gli voglio bene anche se non l’ho mai incontrato e gli auguro di avere uno splendido futuro.

Olga, una nostra sostenitrice a distanza di Gubbio (PG)

L'Adozione a Distanza visto da due prospettive

Ho sempre pensato che sul volto dei bambini dovesse splendere il sorriso perché hanno il diritto di essere felici ed amati.

Quando ho deciso di intraprendere l'Adozione a Distanza questo era il mio obiettivo: fare qualcosa per dare a questi bambini, seppur con un piccolo aiuto, la possibilità di essere istruiti e di avere un futuro migliore.
Sono felice di assistere ai progressi di questa grande squadra, che fa un lavoro straordinario e si impegna ogni giorno per portare speranza in villaggi dove la vita è dura.

Ricevo periodicamente foto e lettere di Fiona, la bambina del Malawi che sostengo, e ogni volta, quando apro la busta, è un'emozione forte che mi tocca il cuore e mi riempie di gioia.

Vedere finalmente il sorriso su quei piccoli visi è ciò che mi spinge a continuare a sostenere questo progetto: tutti insieme possiamo garantire che questo sorriso non venga mai a mancare.

Lidia, una nostra sostenitrice a distanza di Rozzano (Mi)

Caro Andrea, quando sono tornato a casa da scuola e mia madre mi ha detto che c'era un regalo per me, ho sperato tanto che fosse da parte tua e infatti era così!

Ho raccontato alla famiglia quello che c'era scritto nella tua lettera e mi ha reso tanto felice sapere che è nata la tua nipotina Giulia, una bellissima principessa.

Nella mia famiglia stiamo tutti bene e con il mio fratello maggiore siamo molto legati. Entrambi aiutiamo i nostri genitori con le piccole faccende domestiche, come ad esempio lavare i piatti o cuocere il riso.

Sono uno dei migliori della mia classe, sono sempre attento a quello che ci insegna la maestra e vado d'accordo con i miei compagni.

Auguro a te a tutta la tua famiglia di essere felici e in salute.

Ti mando un forte abbraccio e spero di sentirti presto.

Toan, un bambino vietnamita sostenuto a distanza da Andrea di Castelfranco Veneto (Tv)