Myanmar: educazione a rischio per un’intera generazione di bambini a cui bisogna garantire la continuità di un apprendimento adeguato, sicuro e inclusivo

Oltre 12 milioni di bambini e giovani in Myanmar non hanno accesso all'educazione da più di un anno. Le conseguenze per la loro educazione, sviluppo personale, benessere psicologico e opportunità future sono già profonde e continueranno a crescere. I bambini delle comunità più povere e remote saranno probabilmente i più colpiti.

Tutti i bambini e i giovani hanno il diritto di accedere all'istruzione e i genitori hanno il diritto di scegliere il tipo di istruzione che i loro figli riceveranno. L'interesse superiore dei bambini deve essere centrale nel processo decisionale sull'istruzione. Ed è essenziale garantire che gli studenti, gli insegnanti e il personale siano consultati, rispettati e sicuri per apprendere e insegnare in base alle proprie esigenze e con dignità.

Gli attacchi alle scuole, agli insegnanti e al personale, e l'occupazione delle strutture scolastiche sono inaccettabili. Devono essere protetti da conflitti e disordini: questi sono luoghi in cui i bambini dovrebbero essere al sicuro e sostenuti nel loro apprendimento e nella loro crescita.

Con l’emergenza COVID-19, la sicurezza delle scuole richiede anche l'applicazione rigorosa di misure di prevenzione e controllo. I rischi associati al Covid-19 sono ancora elevati ed è importante fare tutto il possibile per prevenire un'ulteriore diffusione della malattia. Fornire supporto e assistenza psicosociale sarà essenziale per consentire a studenti e insegnanti di concentrarsi sull'apprendimento. L'insegnamento e l'apprendimento dovranno essere adattati per compensare il deficit di apprendimento causato dall’emergenza e saranno necessari approcci educativi supplementari e flessibili.

Mantenere sempre al sicuro le scuole e garantire la continuità dell'apprendimento deve essere una priorità per il Myanmar. La mancanza di accesso a un'istruzione sicura e di qualità minaccia la crescita di un'intera generazione in Myanmar che perderà l'opportunità di imparare. Questo è qualcosa che non possiamo e non dobbiamo accettare.

Per ulteriori informazioni:

Tel. 06-48070023/63/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it