TuttoMondo Contest 2020

Il Mondo con occhi di ragazza

Secondo il rapporto 2020 sul Global Gender Gap del World Economic Forum, sulla base della situazione attuale, ci vorranno ancora 99,5 anni per colmare le differenze globali di genere.

25 anni dopo l’adozione della Dichiarazione di Pechino, un’agenda visionaria per il rafforzamento del ruolo delle donne e delle bambine nella società, e i movimenti che hanno affermato di voler “guardare il mondo con occhi di donna” e hanno proclamato che “i diritti delle donne sono diritti umani”, oggi nel mondo e in Italia ancora si lotta per la parità di genere. 

Nel nostro paese violenza e stereotipi di genere impediscono a donne e ragazze di prendere decisioni libere in merito alla propria vita. Le donne continuano a lavorare di più degli uomini, guadagnano meno, hanno meno possibilità di scelta e subiscono violenza a casa e negli spazi pubblici.


TuttoMondo Contest nasce nel 2014 con l’idea di promuovere l’incontro tra i giovani sul piano artistico, perché possano essere agenti di cambiamento per diffondere una cultura di tutela dei diritti e della non discriminazione.

Nell'edizione 2020, 142 opere, 3 categorie in concorso (Il mondo oltre il selfie - fotografia, Penso quindi so(g)no - narrativa, Controcampi - audiovisivo), mostrano cosa significa per bambine, bambini, ragazze e ragazzi vedere il mondo con occhi di ragazza.

I gruppi in concorso:
Generazione alpha
Adolescenti scuole
Adolescenti gruppi informali e singoli


Pronti a scoprire le loro opere? Guardate di seguito per conoscere quelle dei finalisti attraverso le loro stesse parole e immagini e cliccate sui bottoni per vedere tutte quelle dei partecipanti.


Il mondo oltre il selfie - Fotografia

Shut up!

Letizia Parmiggiani

Adolescenti gruppi informali e singoli

"Ho deciso di inserire una foto in bianco e nero che contenesse un chiaro messaggio di denuncia sociale. Legata da un segno indelebile di un gesto imperdonabile di violenza sul corpo della donna. La violenza fa paura ed è proprio questo che volevo si percepisse negli occhi del soggetto ritratto. Uno sguardo di sconforto, rassegnazione e terrore quasi sempre però rivolto verso chi osserva, come a voler sottolineare che anche chi vede e non denuncia è complice". 

"Ho deciso di inserire una foto in bianco e nero che contenesse un chiaro messaggio di denuncia sociale. Legata da un segno indelebile di un gesto imperdonabile di violenza sul corpo della donna. La violenza fa paura ed è proprio questo che volevo si percepisse negli occhi del soggetto ritratto. Uno sguardo di sconforto, rassegnazione e terrore quasi sempre però rivolto verso chi osserva, come a voler sottolineare che anche chi vede e non denuncia è complice". 

Volontà

Diego Fossati

Adolescenti gruppi informali e singoli

"Una giovane ragazza guarda verso la luce, nel futuro, al di là del buio in cui si trova, ma qualcosa le impedisce di arrivarci e di muoversi in avanti: una forza, il passato, il contesto in cui vive... "

"Una giovane ragazza guarda verso la luce, nel futuro, al di là del buio in cui si trova, ma qualcosa le impedisce di arrivarci e di muoversi in avanti: una forza, il passato, il contesto in cui vive... "

Ombre sui sensi

Punto Luce Ponte di Nona

Asia Sbruzzi, Nicole Varchi, Tiziano Cesarini, Simona Lanini, Jasmine Rebbaa, Jacopo Dominici, El Mhadi Fassa, Walid
(Adolescenti gruppi informali e singoli)

" La privazione di libertà fin dall'infanzia, limita la capacità d'espressione. Una gabbia, un'ombra sulla vita delle bambine e ragazze che impedisce una crescita serena".

" La privazione di libertà fin dall'infanzia, limita la capacità d'espressione. Una gabbia, un'ombra sulla vita delle bambine e ragazze che impedisce una crescita serena".


Penso quindi so(g)no - Narrativa

Il mio viaggio

Francesco Smaniotto (classe 111 A)
Istituto Cavanis ''Canova'', secondaria I grado (Possagno, TV)
[...] Presi quella catena che mi teneva prigioniera da un mese ormai, quella catena che mi aveva privato di una libertà, di una volontà e di una dignità, adesso era diventata la mia unica salvezza: me la assicurai al collo, questa volta non come un peso, ma come una morbida sciarpa in un giorno d'inverno, guardai l'orizzonte e saltai.


I nostri occhi nei vostri

classe IV G
I.T.E.S ''Luigi Einaudi'' (Verona)

Una sorta di limbo buio nel quale si ritrovano le anime di tante “ragazze” che non sono state riconosciute dalla Storia. Ragazze il cui sguardo ha tentato di andare oltre l’orizzonte, troppo spesso limitato, del proprio tempo. Ragazze che sono vissute in diversi periodi e in diversi contesti: scienziate, scrittrici, attiviste, rivoluzionarie, religiose, artiste… [...]


Lettera a Luna

Catanzano Siria, Castellucci Giulia, Cecere Sofia,
Simeone Sofia, Miele Veronica (classe 111 E)
Istituto Comprensivo ''Principe Amedeo'', secondaria I grado (Gaeta, LT)

Cara Luna,
parlati bene. Quando parli di te stessa, parlati bene. Non sminuirti, non offenderti, non darti appellativi poco carini. E non permettere a nessuno di farlo. La tua mente memorizza tutto, sottolinea, ricorda, specie quando credi di essere sovrappensiero. Trattati bene. Trattati come una persona che ami. [...]

Vomitare parole. Muta

Chiara Placidi
20 anni (Roma)
[...] Perché il solo guardare la folla che attendeva la sua parola con un sorrisino di scherno nel vederla come al solito senza trucco, le teste che ondeggiavano sconsolate nel vederla un’altra volta vestita ‘da uomo’ le avevano fatto montare un groppo in gola che la metà basta. Fece per aprire bocca e tacque.


Un maschiaccio

Eleonora Laura Pasqualetto
18 anni (Mirano, VE)
[...] Non una volta che mi fossi tirata indietro, le sfide mi facevano sorridere in quel modo irritante, alzavo il sopracciglio sinistro sprezzante e ridevo: secondo te mi fai paura? La polvere l’avevano sempre mangiata loro. I ricci ribelli raccolti ben stretti, la maglia larga per nascondere ciò che faceva ridere, i pantaloni corti: ero un vero maschiaccio. [...]


Stai al tuo posto

Francesca Le Pera
16 anni (Reggio Calabria)
[...]
Stai al tuo posto.
Sii spontanea
Sii dolce
Sii materna
Sii remissiva
Eh sorridi un po’
[...]


Controcampi - Audiovisivo

I want to break free - Liceo Socrate, Roma.- Gruppo Adolescenti scuole" Ludovica si sta preparando per uscire: è sola davanti allo specchio e tenta di camuffare con il trucco i segni della violenza che ha subito dal suo compagno la notte prima. Nella testa ripercorre immagini e suoni di quella sera. Sono proprio quei ricordi nitidi e dolorosi a farle prendere coscienza della sua condizione: quella stessa mattina Ludovica decide di uscire lasciando i lividi ben visibili sul volto. Varca la soglia di casa con espressione consapevole, caricandosi di un respiro profondo verso la libertà."

I want to break free - Liceo Socrate, Roma.- Gruppo Adolescenti scuole" Ludovica si sta preparando per uscire: è sola davanti allo specchio e tenta di camuffare con il trucco i segni della violenza che ha subito dal suo compagno la notte prima. Nella testa ripercorre immagini e suoni di quella sera. Sono proprio quei ricordi nitidi e dolorosi a farle prendere coscienza della sua condizione: quella stessa mattina Ludovica decide di uscire lasciando i lividi ben visibili sul volto. Varca la soglia di casa con espressione consapevole, caricandosi di un respiro profondo verso la libertà."

Duttile - Yuri Palma. "Una ragazza adolescente si isola dalle sue amicizie a seguito di un incontro apparentemente innocente ed entra in una spirale maligna di abbandono della propria identità".

Duttile - Yuri Palma. "Una ragazza adolescente si isola dalle sue amicizie a seguito di un incontro apparentemente innocente ed entra in una spirale maligna di abbandono della propria identità".

La potenza della luna - I.C.S. Daniele Manin, classe III D, Roma- Gruppo Adolescenti scuole. "La donna ha una potenza antica, oscurata dalla società patriarcale. Nel passato, è stata costretta a operare dietro le quinte. Il cammino verso la luce è doloroso. Ma ci sono state donne che hanno avuto il coraggio di agire, compiendo passi significativi per diminuire le disuguaglianze. Il loro esempio ci illumina e traccia la strada da percorrere".

La potenza della luna - I.C.S. Daniele Manin, classe III D, Roma- Gruppo Adolescenti scuole. "La donna ha una potenza antica, oscurata dalla società patriarcale. Nel passato, è stata costretta a operare dietro le quinte. Il cammino verso la luce è doloroso. Ma ci sono state donne che hanno avuto il coraggio di agire, compiendo passi significativi per diminuire le disuguaglianze. Il loro esempio ci illumina e traccia la strada da percorrere".

Donna - Lo specchio del passato e la proiezione del futuro. Flavia Marino. "Credo sia un bene fare luce ed acculturarsi su certi argomenti. La tematica affrontata è più che importante al giorno d'oggi, perché viviamo in una società che guarda ancora al passato e vive con una mentalità retrograda."

Donna - Lo specchio del passato e la proiezione del futuro. Flavia Marino. "Credo sia un bene fare luce ed acculturarsi su certi argomenti. La tematica affrontata è più che importante al giorno d'oggi, perché viviamo in una società che guarda ancora al passato e vive con una mentalità retrograda."

Ti amo - FedericaLuna Di Taranto. "Ti amo"..!  Sara non esce più di casa... quando lo fa le mani le tremano, e tutti gli sguardi che sente, sembrano Matteo.   Matteo che la segue. Matteo che continua a chiamarla. Matteo che la spaventa. Matteo che la minaccia.  Matteo che la "ama".

Ti amo - FedericaLuna Di Taranto. "Ti amo"..!  Sara non esce più di casa... quando lo fa le mani le tremano, e tutti gli sguardi che sente, sembrano Matteo.   Matteo che la segue. Matteo che continua a chiamarla. Matteo che la spaventa. Matteo che la minaccia.  Matteo che la "ama".

Microstorie - Scuola D'arte Cinematografica "Gian Maria Volonté" (Roma) – Anna Coccoli, John Alex Siciliani, Annalia Silecchia, Jacopo Balliana, Francesco Maria Michelini, Elena Zuccardi Merli, Giuliano Cipollone. "Con l’avvento del coronavirus le professioni di SHARMIN, giovane cuoca, ALESSIA, escort pugliese e FRESSY, rider e colf, subiscono dei cambiamenti improvvisi che le mettono di fronte a delle scelte. Dall’alternarsi dei tre racconti durante le fasi della pandemia emergono voci raramente interpellate e urgenze dimenticate dalla cronaca quotidiana. Tre microstorie di persone invisibili che resistono nonostante le difficoltà, che sognano e che temono un avvenire imprevedibile. I racconti di tre vite così diverse sono ora accomunati dallo stesso futuro incerto. Quanto la precarietà del lavoro delle tre donne incide nelle loro vite? "

Microstorie - Scuola D'arte Cinematografica "Gian Maria Volonté" (Roma) – Anna Coccoli, John Alex Siciliani, Annalia Silecchia, Jacopo Balliana, Francesco Maria Michelini, Elena Zuccardi Merli, Giuliano Cipollone. "Con l’avvento del coronavirus le professioni di SHARMIN, giovane cuoca, ALESSIA, escort pugliese e FRESSY, rider e colf, subiscono dei cambiamenti improvvisi che le mettono di fronte a delle scelte. Dall’alternarsi dei tre racconti durante le fasi della pandemia emergono voci raramente interpellate e urgenze dimenticate dalla cronaca quotidiana. Tre microstorie di persone invisibili che resistono nonostante le difficoltà, che sognano e che temono un avvenire imprevedibile. I racconti di tre vite così diverse sono ora accomunati dallo stesso futuro incerto. Quanto la precarietà del lavoro delle tre donne incide nelle loro vite? "

I want to break free - Liceo Socrate, Roma.- Gruppo Adolescenti scuole" Ludovica si sta preparando per uscire: è sola davanti allo specchio e tenta di camuffare con il trucco i segni della violenza che ha subito dal suo compagno la notte prima. Nella testa ripercorre immagini e suoni di quella sera. Sono proprio quei ricordi nitidi e dolorosi a farle prendere coscienza della sua condizione: quella stessa mattina Ludovica decide di uscire lasciando i lividi ben visibili sul volto. Varca la soglia di casa con espressione consapevole, caricandosi di un respiro profondo verso la libertà."

I want to break free - Liceo Socrate, Roma.- Gruppo Adolescenti scuole" Ludovica si sta preparando per uscire: è sola davanti allo specchio e tenta di camuffare con il trucco i segni della violenza che ha subito dal suo compagno la notte prima. Nella testa ripercorre immagini e suoni di quella sera. Sono proprio quei ricordi nitidi e dolorosi a farle prendere coscienza della sua condizione: quella stessa mattina Ludovica decide di uscire lasciando i lividi ben visibili sul volto. Varca la soglia di casa con espressione consapevole, caricandosi di un respiro profondo verso la libertà."

Duttile - Yuri Palma. "Una ragazza adolescente si isola dalle sue amicizie a seguito di un incontro apparentemente innocente ed entra in una spirale maligna di abbandono della propria identità".

Duttile - Yuri Palma. "Una ragazza adolescente si isola dalle sue amicizie a seguito di un incontro apparentemente innocente ed entra in una spirale maligna di abbandono della propria identità".

La potenza della luna - I.C.S. Daniele Manin, classe III D, Roma- Gruppo Adolescenti scuole. "La donna ha una potenza antica, oscurata dalla società patriarcale. Nel passato, è stata costretta a operare dietro le quinte. Il cammino verso la luce è doloroso. Ma ci sono state donne che hanno avuto il coraggio di agire, compiendo passi significativi per diminuire le disuguaglianze. Il loro esempio ci illumina e traccia la strada da percorrere".

La potenza della luna - I.C.S. Daniele Manin, classe III D, Roma- Gruppo Adolescenti scuole. "La donna ha una potenza antica, oscurata dalla società patriarcale. Nel passato, è stata costretta a operare dietro le quinte. Il cammino verso la luce è doloroso. Ma ci sono state donne che hanno avuto il coraggio di agire, compiendo passi significativi per diminuire le disuguaglianze. Il loro esempio ci illumina e traccia la strada da percorrere".

Donna - Lo specchio del passato e la proiezione del futuro. Flavia Marino. "Credo sia un bene fare luce ed acculturarsi su certi argomenti. La tematica affrontata è più che importante al giorno d'oggi, perché viviamo in una società che guarda ancora al passato e vive con una mentalità retrograda."

Donna - Lo specchio del passato e la proiezione del futuro. Flavia Marino. "Credo sia un bene fare luce ed acculturarsi su certi argomenti. La tematica affrontata è più che importante al giorno d'oggi, perché viviamo in una società che guarda ancora al passato e vive con una mentalità retrograda."

Ti amo - FedericaLuna Di Taranto. "Ti amo"..!  Sara non esce più di casa... quando lo fa le mani le tremano, e tutti gli sguardi che sente, sembrano Matteo.   Matteo che la segue. Matteo che continua a chiamarla. Matteo che la spaventa. Matteo che la minaccia.  Matteo che la "ama".

Ti amo - FedericaLuna Di Taranto. "Ti amo"..!  Sara non esce più di casa... quando lo fa le mani le tremano, e tutti gli sguardi che sente, sembrano Matteo.   Matteo che la segue. Matteo che continua a chiamarla. Matteo che la spaventa. Matteo che la minaccia.  Matteo che la "ama".

Microstorie - Scuola D'arte Cinematografica "Gian Maria Volonté" (Roma) – Anna Coccoli, John Alex Siciliani, Annalia Silecchia, Jacopo Balliana, Francesco Maria Michelini, Elena Zuccardi Merli, Giuliano Cipollone. "Con l’avvento del coronavirus le professioni di SHARMIN, giovane cuoca, ALESSIA, escort pugliese e FRESSY, rider e colf, subiscono dei cambiamenti improvvisi che le mettono di fronte a delle scelte. Dall’alternarsi dei tre racconti durante le fasi della pandemia emergono voci raramente interpellate e urgenze dimenticate dalla cronaca quotidiana. Tre microstorie di persone invisibili che resistono nonostante le difficoltà, che sognano e che temono un avvenire imprevedibile. I racconti di tre vite così diverse sono ora accomunati dallo stesso futuro incerto. Quanto la precarietà del lavoro delle tre donne incide nelle loro vite? "

Microstorie - Scuola D'arte Cinematografica "Gian Maria Volonté" (Roma) – Anna Coccoli, John Alex Siciliani, Annalia Silecchia, Jacopo Balliana, Francesco Maria Michelini, Elena Zuccardi Merli, Giuliano Cipollone. "Con l’avvento del coronavirus le professioni di SHARMIN, giovane cuoca, ALESSIA, escort pugliese e FRESSY, rider e colf, subiscono dei cambiamenti improvvisi che le mettono di fronte a delle scelte. Dall’alternarsi dei tre racconti durante le fasi della pandemia emergono voci raramente interpellate e urgenze dimenticate dalla cronaca quotidiana. Tre microstorie di persone invisibili che resistono nonostante le difficoltà, che sognano e che temono un avvenire imprevedibile. I racconti di tre vite così diverse sono ora accomunati dallo stesso futuro incerto. Quanto la precarietà del lavoro delle tre donne incide nelle loro vite? "

Vuoi scoprire tutte le altre opere in concorso?


Generazione alpha - Fotografia, Narrativa, Audiovisivo

Libro di scuola - Alice Rossetti. "Al posto di soli uomini sono raffigurate anche delle scienziate, perché nella scienza sono presenti tutti e due i generi e meritano entrambi di avere dei riconoscimenti e di essere rappresentati nei libri di scuola".

Libro di scuola - Alice Rossetti. "Al posto di soli uomini sono raffigurate anche delle scienziate, perché nella scienza sono presenti tutti e due i generi e meritano entrambi di avere dei riconoscimenti e di essere rappresentati nei libri di scuola".

We can do it! La lotta delle donne per poter combattere - Giugliano Giuseppe e Anunaziata Pasquale (classe I G) - Istituto comprensivo Giuseppe Giusti - Secondaria I grado (Terzignano, NA)

We can do it! La lotta delle donne per poter combattere - Giugliano Giuseppe e Anunaziata Pasquale (classe I G) - Istituto comprensivo Giuseppe Giusti - Secondaria I grado (Terzignano, NA)

Facciamo vedere chi siamo! - Monica Gewurz. "Rebecca, da bambina, viene bullizzata dai compagni perché non veste mai da "femmina". Quando cresce, a lavoro, le offrono una paga più bassa rispetto ai colleghi maschi. Ma lei si sa difendere in entrambe le situazioni".

Facciamo vedere chi siamo! - Monica Gewurz. "Rebecca, da bambina, viene bullizzata dai compagni perché non veste mai da "femmina". Quando cresce, a lavoro, le offrono una paga più bassa rispetto ai colleghi maschi. Ma lei si sa difendere in entrambe le situazioni".

Libro di scuola - Alice Rossetti. "Al posto di soli uomini sono raffigurate anche delle scienziate, perché nella scienza sono presenti tutti e due i generi e meritano entrambi di avere dei riconoscimenti e di essere rappresentati nei libri di scuola".

Libro di scuola - Alice Rossetti. "Al posto di soli uomini sono raffigurate anche delle scienziate, perché nella scienza sono presenti tutti e due i generi e meritano entrambi di avere dei riconoscimenti e di essere rappresentati nei libri di scuola".

We can do it! La lotta delle donne per poter combattere - Giugliano Giuseppe e Anunaziata Pasquale (classe I G) - Istituto comprensivo Giuseppe Giusti - Secondaria I grado (Terzignano, NA)

We can do it! La lotta delle donne per poter combattere - Giugliano Giuseppe e Anunaziata Pasquale (classe I G) - Istituto comprensivo Giuseppe Giusti - Secondaria I grado (Terzignano, NA)

Facciamo vedere chi siamo! - Monica Gewurz. "Rebecca, da bambina, viene bullizzata dai compagni perché non veste mai da "femmina". Quando cresce, a lavoro, le offrono una paga più bassa rispetto ai colleghi maschi. Ma lei si sa difendere in entrambe le situazioni".

Facciamo vedere chi siamo! - Monica Gewurz. "Rebecca, da bambina, viene bullizzata dai compagni perché non veste mai da "femmina". Quando cresce, a lavoro, le offrono una paga più bassa rispetto ai colleghi maschi. Ma lei si sa difendere in entrambe le situazioni".


E per sfogliare il catalogo completo di questa edizione di TuttoMondo