Protezione dei minori

Save the Children lavora sulla protezione, intesa come l'insieme degli strumenti e azioni volte a prevenire e rispondere all'abuso, sfruttamento e violenza nei confronti dei minori. In particolare, le attività svolte da Save the Children in questo ambito, si rivolgono a minori migranti, richiedenti asilo, vittime di tratta e sfruttamento, minori non accompagnati e minori in nuclei familiari.

Supporto e accoglienza

Supporto e Accoglienza

Praesidium e accoglienza dei minori stranieri non accompagnati: garantiamo protezione e supporto ai minori stranieri non accompagnati attraverso attività di consulenza legale, mediazione culturale e monitoraggio delle loro condizioni di accoglienza.
Scopri di più
CivicoZero - foto di Marco Iegri

Servizi a bassa soglia

CivicoZero e Protecting Children on the Move ("minori in transito"): progetti volti a fornire supporto, orientamento e protezione a minori stranieri, anche in transito, e neo-comunitari in situazioni di marginalità sociale e devianza, e a rischio di sfruttamento e abuso.
CivicoZero Minori in transito
Tratta e sfruttamento - foto di Andrea Sermoneta

Tratta e sfruttamento

I progetti Agire, React e Interact: focus sull'identificazione e il supporto dei minori vittime di tratta o sfruttamento, oltre che la prevenzione attraverso materiali di sensibilizzazione costruiti dai minori.

Scopri di più
Educazione senza violenza

A MANI FERME

Il 27 marzo 2012 parte la campagna "A MANI FERME" per dire NO alle punizioni fisiche contro i bambini.

Scopri di più
Tratta e sfruttamento - foto di Andrea Sermoneta

Giustizia minorile

Il progetto JUST mira alla prevenzione ed al contrasto della delinquenza minorile attraverso lo sviluppo di metodi d'intervento multi-disciplinari basati sul rispetto dei diritti del minore, con un focus sui minori di origine straniera.

Scopri di più
Progetto Egitto

Informazione e sensibilizzazione

“Progetto Egitto”: i minori egiziani in Italia raccontano il percorso migratorio e le condizioni di vita ai loro coetanei che vivono in Egitto per informarli sui rischi della migrazione irregolare.

Scopri di più