Siria nord-occidentale: morti almeno 4 bambini e 4 membri del personale scolastico in attacchi diretti alle scuole. Vergognoso, disumano e inaccettabile prendere di mira strutture educative e infrastrutture civili

Gli attacchi alle scuole nel nord-ovest della Siria continuano nonostante un cessate il fuoco concordato più di un anno fa. Dall'inizio del 2020 ci sono stati finora 37 attacchi a strutture educative, nove di questi hanno avuto luogo dopo l'annuncio del cessate il fuoco nel marzo 2020, nei quali hanno perso la vita almeno quattro bambini e quattro membri del personale delle scuole, ma il numero effettivo di morti è probabilmente più alto. Le strutture scolastiche sono state distrutte e danneggiate e l'istruzione di molti bambini è stata interrotta. Lo denunciano Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro, e il suo partner Hurras Network[1].

Sebbene si sia registrato un calo del numero di attacchi rispetto al 2019 - quando si sono verificate 80 violazioni di questo tipo - Save the Children avverte che l'istruzione rimane minacciata a causa delle continue violenze. In tutta la Siria, 61 attacchi sono stati verificati dal Syria Monitoring and Reporting Mechanism[2].

In un incidente registrato da Save the Children e Hurras Network, i proiettili di artiglieria sono caduti a pochi metri fuori da una scuola mentre i bambini si radunavano nel parco giochi. Sono stati scortati all'interno dai loro insegnanti e rimandati a casa quando i bombardamenti sono cessati.

I nuovi dati mostrano che gli attacchi, principalmente aerei e bombardamenti di artiglieria, hanno interrotto l'apprendimento. Almeno tre attacchi hanno danneggiato o distrutto gli edifici scolastici, lasciando i bambini senza un posto dove andare per la loro istruzione.

Sara *, 10 anni, è in quarta elementare. Ricorda un attacco alla scuola che frequentava nella sua città natale, Ma'arat Nu'man, a nord di Hama, prima di doversi spostare a Idlib. Ha detto: “La mia scuola è stata bombardata mentre ero in classe. Mi sono davvero arrabbiata per i miei amici, per l’insegnante e la direttrice. Mi sono persino arrabbiata per la scuola stessa perché mi sentivo come se non ci fossero più scuole ed ero molto legata alla mia. Pensavo che non saremmo mai più stati in grado di imparare. Quando avviene il bombardamento, mi nascondo nel posto più sicuro, apro la bocca e chiudo le orecchie in modo da non sentire gli attacchi aerei e sentire che non c'è niente che non va".

Raya *, anche lei 10 anni, sfollata a Idlib da due anni, ha raccontato: “Quando l'attacco aereo ha colpito la scuola, sia mio fratello maggiore che mia sorella stavano studiando. La finestra della classe è caduta su mio fratello e grazie a Dio non è successo niente a mia sorella ".

Gli attacchi contro le scuole sono classificati dalle Nazioni Unite come una delle sei gravi violazioni contro i diritti dei bambini[3]. Il 35% degli insegnanti intervistati da Save the Children lo scorso anno ha affermato che gli attacchi alle strutture scolastiche sono stati uno dei motivi principali che hanno costretto i bambini ad abbandonare la scuola.

“È straziante vedere che i bambini continuano a essere vittime del conflitto siriano e ne pagano il prezzo più alto. Le scuole dovrebbero essere oasi sicure per i bambini e non zone di guerra. È spaventoso assistere al fatto che, nonostante il cessate il fuoco annunciato nel marzo 2020, il conflitto continui a uccidere bambini e famiglie in tutto il paese. Si tratta di gravi violazioni commesse contro individui innocenti che dovrebbero cessare immediatamente" ha dichiarato Sonia Khush, direttrice della risposta di Save the Children in Siria.

Save the Children invita tutte le parti in conflitto a rispettare il diritto internazionale umanitario, approvare la Dichiarazione sulle scuole sicure[4], evitare di prendere di mira le scuole e le infrastrutture civili, nonché a garantire la sicurezza e la protezione dei bambini.

Per ulteriori informazioni:

Tel. 06-48070063/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

[1] Save the Children collabora con un’organizzazione partner per creare un sistema nel nord-ovest della Siria finalizzato a raccogliere regolarmente informazioni e prove relative agli attacchi all'istruzione e al loro impatto su bambini, insegnanti e infrastrutture educative.

[2]   Il Meccanismo di Monitoraggio e Segnalazione (MRM) è stato avviato dalle Nazioni Unite per monitorare le gravi violazioni dei diritti dei minori e rafforzare la responsabilità degli autori. Lo scopo dell'MRM è fornire la raccolta sistematica di informazioni accurate, tempestive, obiettive e affidabili su sei gravi violazioni commesse contro i bambini in situazioni di conflitto armato.

[3] https://childrenandarmedconflict.un.org/six-grave-violations/

[4] https://protectingeducation.org/wp-content/uploads/documents/documents_s...