Somalia: la peggiore siccità degli ultimi 10 anni lascia milioni di persone affamate e mette a rischio le loro vite. Il 70% delle famiglie non ha abbastanza cibo e il bestiame continua a morire per cause legate alla mancanza di acqua

La Somalia sta vivendo la peggiore crisi di siccità degli ultimi dieci anni, con milioni di persone che soffrono la fame e sono costrette a lasciare le proprie case in cerca di cibo e acqua. Lo denuncia Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

L'impatto sulle famiglie si fa sentire maggiormente in questa stagione a causa della somma di più fattori, che sono il risultato di siccità multiple e prolungate in rapida successione, un peggioramento delle condizioni di sicurezza, infestazioni di locuste del deserto, aumento dei prezzi dei generi alimentari, rimesse ridotte e meno soldi dai donatori per rispondere all’emergenza.

Una valutazione di Save the Children condotta nel novembre 2021[1], che copre 15 delle 18 regioni della Somalia, ha rilevato che la maggior parte delle famiglie non mangiava regolarmente. Quasi il 60% di quelle valutate ha riferito che almeno una persona all’interno del proprio nucleo aveva perso la propria fonte di reddito, in gran parte a causa della morte su vasta scala del bestiame, e oltre un terzo delle famiglie includeva almeno una persona che è rimasta senza cibo per un periodo di 24 ore.

La Somalia ha vissuto tre grandi crisi di siccità negli ultimi dieci anni: nel 2011/12, nel 2016/2017 e ora nel 2021/22.

Nel 2011/12, quando l'ONU ha dichiarato la carestia in Somalia, 3,7 milioni di persone[2] vivevano in uno stato di grave insicurezza alimentare. Una lenta risposta globale ai primi avvertimenti di quella carestia ha portato almeno 260.000 persone, la metà delle quali di età inferiore ai 6 anni, a morire per fame e condizioni correlate in tutto il Corno d'Africa. Alla fine della crisi, solo il 56% dell'appello di finanziamento delle Nazioni Unite istituito per far fronte alle enormi esigenze della Somalia era stato soddisfatto dai donatori.

Nel 2016/17, oltre 2,9 milioni di persone[3] hanno dovuto affrontare livelli di insicurezza alimentare emergenziali (a livello IPC 3 o superiore). Una risposta globale più rapida e sostanziale ha consentito di salvare vite umane. Alla fine della crisi, il 68% del nuovo appello di finanziamento delle Nazioni Unite era stato accolto dai donatori.

Quest'anno, le ultime proiezioni mostrano che tra febbraio e maggio 2022 saranno 4,6 milioni di persone in Somalia a dover affrontare un livello di insicurezza alimentare IPC 3 o superiore. Finora, solo il 2,3% dell'attuale appello delle Nazioni Unite per rispondere alla crisi è stato accolto dai donatori.

“I donatori hanno una finestra ristretta per prevenire un grave disastro umanitario in Somalia. Abbiamo fallito nel 2011, realizzato guadagni nel 2016/17 ma ora sembra che siamo tornati al punto di partenza. Siamo preoccupati di tornare indietro, alla situazione del 2011, in cui centinaia di migliaia di persone sono morte. Siamo preoccupati che la politica a livello globale stia oscurando la sofferenza umanitaria del popolo somalo. C'è tanta fame e tanto bisogno. La causa primaria è la crisi climatica. La Somalia ha sempre sofferto la siccità e i somali hanno sempre saputo come affrontarle: lottano, perdono bestiame, contano le perdite e poi si riprendono. Ma ora, i lassi di tempo tra una grande siccità e l’altra si stanno riducendo. È un ciclo omicida e sta derubando i bambini somali del loro futuro” ha dichiarato Mohamud Mohamed, Direttore di Save the Children in Somalia.

Omar* è un padre, che vive in un villaggio nel distretto di Beledweyne, nella Somalia meridionale, ha detto agli operatori di  Save the Children: “Di solito davamo da mangiare ai bambini tre volte al giorno, ma ora è difficile dar loro da mangiare anche due volte, quindi per lo più si tratta di un pasto al giorno. Siamo stati in grado di sopravvivere, giorno dopo giorno, durante la precedente siccità, ma questa è più secca che mai, l'acqua è sempre più difficile da trovare. Non abbiamo cibo e il bestiame sta morendo. Le persone ora potrebbero morire, se non riusciamo a trovare aiuto".

Sono necessari almeno 1,5 miliardi di dollari per proteggere i bambini vulnerabili e le loro famiglie in tutta la Somalia e fornire loro cibo, assistenza sanitaria, istruzione e acqua di cui hanno bisogno per superare questa crisi.

Save the Children sta esortando il governo della Somalia a dare la priorità alla risposta umanitaria e garantire che l'attuale stallo politico tra il governo federale e gli Stati membri non ostacoli la consegna degli aiuti umanitari ai bambini e alle loro famiglie colpiti dalla crisi.

Save the Children sta lavorando per aiutare le comunità colpite in Somalia a far fronte agli effetti umanitari immediati della siccità. Sta fornendo forniture idriche di emergenza, curando i bambini malnutriti, sostenendo i sistemi educativi in ​​modo che i più piccoli non perdano l'apprendimento vitale mentre sono sfollati a causa della siccità, gestendo strutture sanitarie e fornendo denaro e sostentamento ai più vulnerabili.

*Nome cambiato per proteggere l'identità

Per sostenere gli interventi in emergenza di Save the Children: https://www.savethechildren.it/dona-fondo-emergenze

Per ulteriori informazioni:

Tel. 06-48070071/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

[1] Save the Children ha condotto una rapida valutazione multisettoriale dei bisogni di 1.770 famiglie selezionate casualmente, per un totale di 12.539 persone, in 15 delle 18 regioni della Somalia e del Somaliland dal 16 al 30 novembre 2021. La metodologia ha coperto una zona di 5,2 milioni di persone, ovvero 33 % della popolazione della Somalia, con una divisione di 605 famiglie del Puntland, 591 degli Stati meridionali e 574 del Somaliland. La valutazione ha esaminato le lacune e le esigenze delle famiglie in relazione a sicurezza alimentare, salute, nutrizione, acqua, igiene, istruzione, protezione dell'infanzia e sfollamento. Qui un riepilogo completo dei risultati in inglese

[2] https://reliefweb.int/report/somalia/un-declares-famine-somalia

[3] https://www.fsnau.org/in-focus/fsnau-fewsnet-technical-release-february-...