Ucraina: Save the Children, 1 bambino su 5 ha dovuto lasciare il Paese, 6 milioni sono intrappolati all’interno, in grave pericolo a causa dell'aumento degli attacchi a strutture civili. Colpiti oltre 460 scuole e 43 ospedali.

Fino a sei milioni di bambini sono intrappolati all'interno dell'Ucraina e sono in grave pericolo a causa dei crescenti attacchi a scuole e ospedali. Molti di loro sono al riparo all'interno di edifici che rischiano di essere attaccati da un momento all’altro, in pericolo di essere feriti o perdere la vita, senza cibo, acqua pulita e assistenza sanitaria. Le aree urbane di tutto il Paese sono state ripetutamente bombardate, intere strade sono state ridotte in macerie. Almeno 464 scuole e 43 ospedali sono stati danneggiati. L'incessante bombardamento ha costretto almeno un bambino su cinque in Ucraina, più di 1,5 milioni, a fuggire dal Paese, mentre quasi sei milioni sono rimasti all’interno, sottolinea Save the Children - l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

Nella città assediata di Mariupol, mercoledì le bombe hanno colpito un teatro e una piscina dove si stavano rifugiando centinaia di persone, bambini compresi. Almeno 21 persone sono state uccise il giorno successivo dopo che un attacco aereo ha colpito una scuola e un centro sociale vicino alla città di Kharkiv. Nel weekend, secondo quanto riportato dai media, è stata la volta di una scuola in cui erano rifugiate centinaia di persone.

I danni ai servizi essenziali come scuole e ospedali aumenteranno se i combattimenti continueranno, in particolare nelle aree popolate. Attualmente sono più di 300 le strutture sanitarie che si trovano in aree dove sono in corso i combattimenti o dove si segnala una presenza significativa di truppe militari, e altre 600 strutture si trovano entro 10 km dagli scontri.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), quasi la metà di tutti gli attacchi ai sistemi sanitari nel mondo quest'anno sono avvenuti in Ucraina, pari a 43 attacchi su un totale di 89. Se le forze armate continueranno a colpire con bombe e proiettili strutture sanitarie, migliaia di bambini e donne incinte che vivono ancora in Ucraina rimarranno senza l’assistenza sanitaria che può salvare le loro vite.

“Fino a sei milioni di bambini in Ucraina rimangono in grave pericolo, mentre ormai siamo quasi arrivati ad un mese di guerra. Siamo estremamente preoccupati dalle notizie secondo cui attacchi e intensi bombardamenti avrebbero danneggiato più di 460 scuole in tutto il paese e oltre 60 ora sono completamente distrutte. La scuola dovrebbe essere un rifugio sicuro per i bambini, non un luogo di paura, dove ogni giorno possono essere feriti o morire”, ha dichiarato Pete Walsh, direttore di Save the Children in Ucraina.

“Le strade ucraine sono un campo di battaglia. Almeno 59 bambini sono già stati uccisi nell'escalation della violenza, secondo le Nazioni Unite, ma in base a quanto riportato dai media potrebbero essere oltre 100. Tutto ciò è inaccettabile. Anche la guerra ha le sue regole e sono molto chiare: i bambini non possono essere un bersaglio, e nemmeno gli ospedali o le scuole. Dobbiamo proteggere i bambini in Ucraina a tutti i costi. Quante altre vite devono essere perse prima che questa guerra finisca?”

Mentre i combattimenti sono in corso, gli obblighi legali internazionali impongono di prendere tutte le precauzioni necessarie per proteggere i civili e gli obiettivi civili, comprese le scuole e gli ospedali, che sono protetti dal diritto umanitario internazionale. Le parti devono proteggere e tutelare le scuole, gli studenti e il personale educativo e astenersi dall'utilizzo militare delle strutture educative. Dovrebbe essere evitato anche l'uso di armi esplosive nelle aree popolate in quanto rischia di nuocere gravemente ai civili, in particolare ai bambini. Ma attualmente sono proprio queste le principali cause di danni ai civili.

Save the Children opera in Ucraina dal 2014, fornendo aiuti umanitari essenziali ai bambini e alle loro famiglie. Ciò include sostenere il loro accesso all'istruzione, fornire supporto psicosociale, distribuire kit per l’inverno e kit igienici e fornire sovvenzioni in denaro alle famiglie in modo che possano soddisfare i bisogni di base come cibo, affitto e medicine, o possano investire nell'avvio di nuove attività.

Per sostenere gli interventi in emergenza di Save the Children: https://www.savethechildren.it/dona-fondo-emergenze

Per ulteriori informazioni:
Tel. 06-48070063/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it