Inondazioni in Pakistan, 11 milioni i bambini colpiti

allagamento di un area con alberi e persone in lontananza

Circa 300 mila famiglie sono a rischio a causa delle terribili inondazioni che hanno colpito il Pakistan. Si tratta di almeno 2,2 milioni di persone compresi un milione di bambini.

Centinaia di migliaia di abitazioni sono state danneggiate, per un totale di almeno 690 mila. Il governo Pakistano ha fatto sapere che, secondo le loro stime, circa il 14% della popolazione (33 milioni di persone) hanno subito conseguenze gravi a seguito delle piogge.

Una catastrofe climatica

Si tratta di una vera e propria catastrofe climatica che ha sommerso 1/3 del Paese provocando danni alle infrastrutture, colpite da inondazioni e frane.

Più di 1.000 persone, tra cui 348 bambini, hanno perso la vita in questo disastro e altri 1.500 sono rimaste ferite dall'inizio della crisi. Le inondazioni e le piogge torrenziali sono state attribuite al peggioramento degli andamenti meteorologici a causa della crisi climatica.
Il Pakistan è classificato come uno dei paesi più vulnerabili al cambiamento climatico nel mondo.

Secondo le previsioni la situazione potrebbe addirittura peggiorare nelle prossime settimane con il protrarsi delle forti piogge nelle regioni già colpite. Alcuni grandi fiumi sono esondati e le dighe più importanti sono straripate distruggendo case, fattorie e infrastrutture essenziali tra cui strade, ospedali e scuole.

Cosa stiamo facendo

Abbiamo mobilitato le nostre squadre di intervento umanitario nelle aree più colpite di Shikarpur e Jacobabad, con soccorritori che distribuiscono materiali per allestire rifugi temporanei, kit per la casa, pentole, padelle e pacchi di cibo per le famiglie, oltre agli assorbenti igienici per le ragazze.  

I soccorritori sono al lavoro sul campo ma sono sopraffatti dalla portata della situazione. È straziante e devastante, c'è ancora molto da fare.

Chiediamo alla comunità internazionale di fornire urgentemente più aiuti umanitari, per salvare vite e mantenere bambini e famiglie al sicuro.

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche