"Children of War" un podcast che racconta le guerre più tristemente famose della storia attraverso gli occhi dei bambini che le vivono o le hanno vissute.

Germania, Nigeria, Rwanda, Siria, Yemen. Un filo rosso collega i conflitti passati con quelli ancora in corso: le terribili sofferenze dei bambini coinvolti. Mutilati, rapiti, abusati o costretti ad abbandonare le proprie case, chiedono a gran voce – ieri come oggi – un futuro migliore.

Ascolta i podcast

"Il cacciatore di lucertole"

Emeka e la guerra del Biafra

Ascolta e condividi la quinta puntata su:

Emeka è sopravvissuto alla carestia durante la guerra civile in Nigeria, conosciuta anche come guerra del Biafra. Il conflitto si svolse tra il 1967 e il 1970 in seguito al tentativo di secessione delle repubbliche sud-orientali di etnia Igbo autoproclamatesi “Repubblica del Biafra”. 

In questo episodiola testimonianza di Emeka, oggi sessantenne che aveva solo 8 anni quando a causa della carestia fu colpito da una grave malnutrizione.

Durante la seconda guerra mondiale, nella sola Europa, ci furono 55 milioni di morti di cui il 60% erano civili. Questa guerra rappresenta ad oggi il conflitto più sanguinoso della storia dell’umanità. Evelyne è una sopravvissuta, era solo una bambina in quegli anni e ha trascorso mesi terribili di sofferenze e privazioni. Ma in mezzo a tanta violenza, c’è un ricordo che ancora oggi le scalda il cuore: quello di una tazza di cioccolata.

In questo episodio, la testimonianza di Evelynesopravvisuta al conflitto mondiale.

"Il profumo della cioccolata"

Evelyne, sopravvissuta alla 2ª guerra mondiale

Ascolta e condividi la quarta puntata su:

"Dove sei, mamma?"

Vanessa e il genocidio in Ruanda

Ascolta e condividi la terza puntata su:

Dal 6 aprile al 16 luglio 1994 in Ruanda si consumò l’uccisione sistematica dei Tutsi e degli Hutu moderati. In appena 100 giorni fu eseguito lo sterminio di un milione di persone. Machete, asce, lance e bastoni chiodati sono state le armi più utilizzate. Tra i sopravvissuti si contano almeno 300 mila orfani. Vanessa aveva solo 11 anni quando è iniziato il genocidio in Ruanda, oggi ne ha 35 e vive in un villaggio vicino alla casa dove è nata.

In questo episodio, la testimonianza di Vanessa che da quel giorno non ha più rivisto i suoi genitori.

La guerra in Siria si protrae dal 2011 e ha messo in ginocchio la popolazione. Di fronte a questa situazione i bambini siriani pagano il prezzo più alto e subiscono sulla propria pelle le devastanti conseguenze del conflitto.

In questo episodio, la testimonianza di Amal che a soli 10 anni è stata costretta ad abbandonare Homs, la città sotto assedio dove era nata e cresciuta fino a quel momento. Da allora non è mai tornata nella sua casa e ancora oggi vive in un campo rifugiati della Beqaa Valley, in Libano.

"Promettimi che ci rivedremo" 

Amal, bambina rifugiata della guerra in Siria

Ascolta e condividi la seconda puntata su:

"Schegge"

Rami e Waleed, gravemente feriti in Yemen

Ascolta e condividi la prima puntata su:

In Yemen da marzo 2015 è in corso un sanguinoso conflitto. Siamo di fronte a una delle peggiori crisi umanitarie di sempre: l'80% della popolazione necessita di aiuto e assistenza immediata, inclusi milioni di bambini. Costretti a vivere sotto le bombe, ogni giorno rischiano di subire le peggiori conseguenze della guerra: mutilazioni, fame e malattie.

In questo episodio, la testimonianza di Rami (15 anni ) e Waleed (10 anni), feriti gravemente da un attacco aereo.

Testi: Simona Angioni
Casting e pre-produzione: Silvia Stortini
Produzione: Valerio Maggio
Musiche: Luca Micheli
Voci narranti: Maria Concetta Mattei e Giorgio Zanchini
Grafiche: Carlotta Inferrera
Si ringrazia Jonathan Zenti per la consulenza.