Dispersione scolastica: 1.500 studenti tra 9 e 16 anni a rischio raggiunti grazie al programma Volontari per l’Educazione che garantisce supporto allo studio a distanza nei territori e quartieri più deprivati

Per le bambine, bambini e adolescenti che vivono in territori, quartieri e contesti più deprivati e fragili, le difficoltà della didattica a distanza e la chiusura a singhiozzo delle scuole a causa del covid-19 hanno amplificato ulteriormente il rischio di abbandono del percorso scolastico.

In una recente consultazione promossa da Save the Children con oltre 1.000 docenti, in maggioranza della scuola primaria e secondaria di primo grado[1], il 6,5% ha segnalato almeno un caso di abbandono nella propria scuola, e gli ultimi dati Invalsi registrano una crescita evidente della “dispersione implicita”, il livello insufficiente di preparazione in italiano, matematica e inglese alla fine del percorso di istruzione, che è aumentata dal 7 al 9,5% su base nazionale[2].

Per questi studenti, recuperare l’apprendimento perso in una o più materie in cui si è rimasti indietro, o riuscire a preparare l’esame di terza media, un ostacolo spesso insormontabile, significa anche, e soprattutto, riconquistare fiducia in se stessi e nella scuola, e quindi nel proprio futuro. Questa l’esperienza positiva vissuta nel secondo semestre 2021-21 da oltre 1.500 studenti tra i 9 e i 16 anni in 16 regioni italiane che, grazie alla segnalazione di 100 scuole e decine di associazioni attive sul territorio, hanno avuto accesso ad un sostegno allo studio a distanza assicurato da 950 Volontari per l’Educazione, che hanno aderito all’omonimo programma nazionale lanciato lo scorso dicembre da Save the Children, in collaborazione con la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) e dalla Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile (RUS).

Provenienti da 43 diverse università italiane e scuole di alta formazione, i tutor volontari, in prevalenza donne (84%), dopo un percorso di formazione dedicato, hanno messo le loro competenze nelle più diverse discipline, a disposizione degli studenti segnalati dalle scuole perché a rischio, accompagnandoli, con il supporto di educatori, in un percorso di sostegno a distanza di 36 ore,  in modalità individuale o a piccoli gruppi e con cadenza settimanale o bi-settimanale. Le materie comprese nei programmi di sostegno sono quelle umanistiche, le materie cosiddette STEM, l’italiano di secondo livello e le lingue straniere.

Tra i 1.500 studenti beneficiari che, anche grazie a questo programma, hanno saputo compiere significativi progressi nella loro preparazione, il 47% era di origine straniera, in leggera maggioranza di sesso maschile (58%), con una distribuzione prevalente nella scuola secondaria di primo grado (68%), seguita dalla scuola primaria (29%) e, in piccolissima parte, dalla secondaria di secondo grado (3%).    

Dopo il successo di questa prima fase sperimentale, confermato anche dai docenti di riferimento delle scuole coinvolte, il programma Volontari per l’Educazione viene rilanciato oggi da Save the Children - l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro -  e dalla CRUI, con un evento speciale previsto oggi alle ore 11 presso il Politecnico di Milano in via Ampère 2. Tra i partecipanti all’evento, moderato da Raffaela Milano – Direttrice Programmi Italia di Save the Children, ci saranno  Ferruccio Resta - Presidente CRUI e Rettore del Politecnico di Milano, Daniela Fatarella - Direttrice Generale Save the Children Italia, Anna Scavuzzo - Vice Sindaca del Comune di Milano, Carlotta Bellomi - Responsabile Unità Scuola di Save the Children, Andrea Gavosto - Direttore Fondazione Agnelli e Antonella Portarapillo - Dirigente scolastica Istituto Comprensivo Ferdinando Russo di Napoli, oltre ad alcuni volontari che hanno partecipato in prima persona al programma.

Il programma rilanciato oggi, che si avvale già di  2.700 adesioni di tutor volontari e più di 300 nuove richieste relative a studenti beneficiari, punta a raggiungere nei prossimi due anni scolastici (2021-22 e 2022-23) migliaia di bambine, bambini e adolescenti a rischio dispersione, per supportarli nel rafforzamento delle loro competenze di base e nella motivazione allo studio, grazie ad una platea sempre più ampia di università coinvolte e di studenti universitari volontari che scelgono di fare questa esperienza.

“Stiamo costruendo insieme una vera e propria community di giovani volontari che credono fortemente nel valore dell’educazione e vogliono essere al fianco dei bambini e adolescenti più colpiti dall’emergenza Covid-19. Questo programma straordinario ci consente di raggiungerli in modo capillare e specifico rispetto ai loro reali bisogni, contribuendo a scongiurare il rischio più grave che è quello dell’abbandono, ma riattivando anche in loro un rapporto di fiducia positivo nelle proprie capacità e nel proprio futuro. È un’esperienza di formazione e motivazione che si sta rivelando molto positiva anche per i volontari stessi, come testimoniano le impressioni che abbiamo raccolto dopo i primi mesi di attività,” ha dichiarato Daniela Fatarella, Direttrice Generale di Save the Children Italia.

In base alle impressioni raccolte al termine della prima fase del programma, infatti, 3 volontari su 4 ritengono molto positiva l’esperienza fatta e il 95% la consiglierebbe ad un amico/a. Per la stragrande maggioranza di loro questa esperienza ha migliorato le loro capacità personali di comunicare in modo efficace (88%), quelle di ascolto attivo (84%) e di problem solving (85%).

Con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente la collaborazione nata con il programma Volontari per l’Educazione, Save the Children e Crui sigleranno oggi un protocollo di intesa, che si propone di promuovere la diffusione della cultura scientifica, tecnologica e degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) sul territorio, per l’attuazione della cosiddetta “terza missione” che vuole le università protagoniste dell’impegno civico sui territori nei quali risiedono.

“Per le Università con le quali abbiamo collaborato e che ci auguriamo si possano moltiplicare nei prossimi mesi, il programma Volontari per l’Educazione rappresenta un’opportunità concreata di realizzare la terza missione, dove gli studenti possono essere veri protagonisti del cambiamento rispondendo ad un bisogno primario dei bambini e degli adolescenti più vulnerabili. Dobbiamo mettere in circolo le risorse migliori e disponibili da subito per contrastare tempestivamente la crescita dell’abbandono scolastico causata dalla pandemia. L’entusiasmo e la motivazione di migliaia di studenti universitari che aderiscono a questo programma sono la migliore risposta a questa sfida fondamentale, e ci auguriamo di poter sviluppare la collaborazione con la Crui su altri fronti altrettanto importanti per il futuro dei bambini e delle comunità” ha sottolineato Raffaela Milano, Direttrice Programmi Italia-Europa di Save the Children.

Nel corso dell’evento che si svolge oggi al Politecnico di Milano, verranno premiate le quattro Università che hanno contribuito maggiormente con i loro studenti al successo del programma fino ad ora, ed in particolare l’Università degli Studi Statale di Milano, l’Università degli Studi del Salento (Lecce), l’Università Roma Tre della capitale, e l’Università degli Studi L’Orientale di Napoli.         

Tutti gli studenti universitari posso candidarsi per far parte della community ed impegnarsi come volontari nel progetto consultando la pagina dedicata sul sito di Save the Children che è anche a disposizione di insegnanti, genitori, alunni o studenti per segnalare le richieste di accesso al programma di accompagnamento allo studio in base ai bisogni specifici.   

Per ulteriori informazioni:

Tel. 06-48070063/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

[1] Sondaggio on-line al quale hanno partecipato in totale 1.086 docenti attivi in più di 100 piccole e grandi città in tutta Italia, il 49,4% nella scuola primaria, 40,9% nella secondaria di primo grado e il 9,7% nella secondaria di secondo grado. 

[2] I risultati in breve delle prove INVALSI 2021, 14 luglio 2021, https://invalsi-areaprove.cineca.it/docs/2021/Rilevazioni_Nazionali/Rapp...