Migranti: impennata nelle traversate marittime mortali dal Libano a Cipro a causa della crisi economica. Negli ultimi sei mesi si è registrato un aumento di 650.000 bambini in povertà

Sono centinaia le persone che, negli ultimi mesi, con l'aggravarsi della crisi economica, sono partite dal Libano e hanno compiuto viaggi disperati in barca attraverso il Mediterraneo per raggiungere Cipro. Settembre ha visto un aumento significativo delle traversate: 230 persone su cinque barche dirette a Cipro via mare, sono state respinte e sono tornate in Libano[1]. Lo denuncia Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

Tra luglio e settembre ci sono stati 21 tentativi di traversata marittima dal Libano[2], un aumento significativo rispetto ai 17 dell'intero 2019[3]. Nel 2020 queste traversate pericolose hanno già causato la morte di diverse persone, bambini compresi.

“Abbiamo iniziato a contare i giorni che ci separavano dalla nostra morte bevendo acqua di mare”, ha detto a Save the Children un adolescente riguardo al loro disperato tentativo di lasciare il Libano.

Il mese scorso, una famiglia siriana di nove persone ha affrontato uno straziante tentativo di attraversare il Mediterraneo dal Libano a Cipro: i componenti della famiglia hanno descritto momenti di impotenza a bordo, con bambini che hanno assistito alla morte della propria madre e genitori costretti a legare i cadaveri dei propri figli ai lati della barca per evitare di perderli in mare.

Khaled *, 12 anni, era a bordo quando sua madre è morta l'ottavo e ultimo giorno di viaggio. Soffriva di diabete.

“Abbiamo navigato per circa 20 ore fino a quando non siamo rimasti senza carburante e poi ci hanno detto che ci eravamo persi. Siamo stati otto giorni senza cibo né acqua. Poi la salute di mia madre è peggiorata. Quello che ho odiato di più durante quegli otto giorni è stato quando il capo della barca ci ha detto che ci eravamo persi, mentre la gente soffriva la sete e la fame. Eravamo senza speranza ... disperati".

L'aumento delle famiglie che scelgono la via del mare per fuggire dal Libano arriva mentre il Paese di poco più di sei milioni di abitanti è alle prese con la sua peggiore crisi in tempo di pace. L'aumento dell'inflazione, il crollo della sterlina e la carenza di beni essenziali come medicine e carburante hanno decimato i mezzi di sussistenza delle persone, mentre crescono i casi di Covid-19[4]. I tassi di povertà sono aumentati vertiginosamente e si stima che altri 650.000 bambini libanesi siano stati spinti nella povertà negli ultimi sei mesi[5].

A due mesi dall'esplosione che ha colpito la capitale Beirut, gli operatori di Save the Children hanno registrato un aumento del 574% delle richieste di alloggio e sostegno finanziario tra le comunità libanesi. Il solo agosto ha rappresentato il 33% di tutte le richieste della comunità nei primi otto mesi dell'anno.

Il fratello maggiore di Khaled * Raed *, 18 anni, ha risposto così quando gli è stato chiesto se avrebbe preso in considerazione la possibilità di andarsene di nuovo. “Se mi si presentasse la stessa opportunità di viaggiare adesso, in questo preciso istante, farei immediatamente le valigie. Anche per la nostra istruzione non c'è futuro o speranza qui. Non c'è per i libanesi, figuriamoci per i siriani".

I bambini del gruppo di famiglie che hanno tentato la traversata il mese scorso, hanno raccontato di essere rimasti bloccati nel Mediterraneo per oltre una settimana, senza cibo né acqua. Le madri a bordo hanno cercato di filtrare l'acqua salata con i loro vestiti per dissetare i loro figli.

La barca su cui si trovava Khaled * trasportava 49 persone dirette verso le coste cipriote, un viaggio di circa 110 miglia. A bordo c'erano dozzine di bambini e i loro familiari, con pochissimo cibo e solo quattro litri di acqua potabile.

La sorella di Khaled, Baraa *, 19 anni, che ha studiato per diventare infermiera, ha cercato di fornire assistenza a due bambini, entrambi sotto i tre anni, che stavano lottando per la propria vita tra le braccia delle loro madri.

“Un bambino ha iniziato ad avere sintomi di disidratazione. Avevo fatto studi infermieristici e lo sapevo. Controllavo il suo polso, la temperatura e il respiro, era disidratato. È morto tra le mie braccia. "

Secondo i media locali, il parlamento cipriota ha accorciato il tempo in cui i richiedenti asilo possono appellarsi contro qualsiasi rigetto della loro domanda e ha consentito alle autorità di deportare i richiedenti asilo direttamente dopo che è stato rifiutato loro lo status[6].

"Queste sono le storie inimmaginabili ma reali di bambini che hanno visto coetanei – o i propri genitori - morire, sulla barca che avrebbe dovuto portarli verso un futuro migliore. Immaginiamo quanto sia disperata la situazione, per spingere le famiglie a rischiare la propria vita per sfuggire alla dura realtà. Le famiglie ci dicono che lo rifarebbero perché non vedono speranza o futuro per i loro figli in Libano. Non possono sopportare un altro anno come questo" ha dichiarato Jennifer Moorehead, Direttore di Save the Children in Libano.

Dopo aver venduto tutti i loro averi per pagare la traversata, Khaled *, Baraa *, il padre e i fratelli sono tornati in Libano. Stanno lottando per far fronte alla perdita della madre.

"Sono preoccupato di tornare a scuola e che l'insegnante mi chieda “Siete voi che avete provato a viaggiare per mare e avete ucciso vostra madre?" ha detto Khaled *.

Save the Children chiede al governo libanese di dare la priorità ai bambini vulnerabili e alle loro famiglie con sostegni finanziari. Chiede inoltre alle autorità cipriote di mettere al primo posto l'interesse dei minori in arrivo e di offrire loro l'accesso all'asilo e alla protezione in conformità con il diritto internazionale.

L’Organizzazione fornisce alle famiglie, tra cui quella di Khaled, servizi di gestione dei singoli casi e assistenza in denaro. Tre bambini della famiglia sono stati registrati presso la scuola pubblica. Viene fornito anche supporto psicosociale per aiutare i più piccoli ad affrontare la situazione.

Il numero verde di Save the Children ha registrato un aumento di circa 3.800 richieste nel mese successivo all'esplosione del porto di Beirut. L'analisi dei bisogni mostra che la maggior parte di coloro che richiedono aiuto hanno bisogno di un alloggio o di denaro.

Per ulteriori informazioni:

Tel. 06-48070023/63/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

[1] https://www.hrw.org/news/2020/09/29/cyprus-asylum-seekers-summarily-retu...

[2] https://www.unhcr.org/lb/13585-unhcr-and-unicef-urgent-need-to-address-t...

[3] https://www.unhcr.org/lb/wp-content/uploads/sites/16/2020/07/UNHCR-Leban...

[4]  https://www.arabianbusiness.com/banking-finance/452203-lebanons-inflatio...

[5] Sulla base delle stime dell'UN ESCWA, calcolate sulla base del fatto che metà della popolazione menzionata è costituita da bambini: https://www.unescwa.org/sites/www.unescwa.org/files/20-00268_pb15_beirut...

[6] https://cyprus-mail.com/2020/09/18/house-passes-three-laws-to-better-man...