Bambini ferocemente assassinati in Mozambico

Due bambini del Mozambico in primo piano e dietro di loro un uomo e una donna guardano in camera ripresi leggermente dal basso. Uno dei bambini ha un dito in bocca e una maglietta nera, l altra ha un vestitino bianco

A Cabo Delgado, una provincia del Mozambico, i nostri operatori sul campo hanno parlato con alcune delle migliaia di sfollati in zona che hanno riportato la morte e la decapitazione di bambini anche di soli 11 anni. Scene orribili di omicidi, dolore e perdita dei propri familiari.

La testimonianza di una madre


Elsa, una madre di 28 anni, che ha raccontato la decapitazione del figlio maggiore, Filipe, 12 anni, avvenuta vicino a dove si era nascosta con gli altri tre figli. Ha detto: “Quella notte il nostro villaggio è stato attaccato e le case sono state bruciate. Quando tutto è iniziato, ero a casa con i miei quattro figli. Abbiamo cercato di scappare nel bosco, ma hanno preso mio figlio maggiore e lo hanno decapitato. Non abbiamo potuto fare nulla perché saremmo stati uccisi anche noi ".

(I nomi sono stati cambiati per proteggere l’identità).

Il conflitto in Mozambico

A causa del conflitto in Mozambico ci sono circa 670.000 sfollati interni a Cabo Delgado, Niassa e Nampula, quasi sette volte il numero riportato un anno fa. Almeno 2.614 persone sono morte nel conflitto dal 2017, compresi 1.312 civili. La situazione si è gravemente deteriorata negli ultimi 12 mesi, con l'escalation degli attacchi ai villaggi.

Cabo Delgado sta ancora subendo gli effetti di shock climatici consecutivi, come il passaggio del ciclone Kenneth nel 2019, il più forte che abbia colpito la parte settentrionale del Mozambico, e le massicce inondazioni dell'inizio del 2020.

I resoconti di attacchi ai bambini ci feriscono nel profondo. Il nostro staff è scoppiato in lacrime nel sentire le storie di sofferenza raccontate dalle madri nei campi profughi. Ogni bambino ha diritto alla vita, alla sicurezza e a essere protetto in tutte le circostanze, comprese guerre e conflitti armati. Per coloro che hanno assistito all'omicidio dei fratelli, la sofferenza potrebbe durare per anni. Molti sono a rischio di sviluppare attacchi d’ansia, depressione e mostrano segni di disturbo post-traumatico da stress (PTSD).

Proprio nelle situazioni di emergenza, infatti, i bambini sono i più vulnerabili e indifesi. Rischiano di essere feriti, sfruttati o uccisi, di perdere la famiglia, la casa e la scuola. Per questo da oltre 100 anni lavoriamo per salvare i bambini nelle emergenze. Con il tuo sostegno possiamo intervenire con rapidità nei contesti di crisi e portare soccorso. Ognuno dei nostri interventi, senza di te, non sarebbe possibile. Se vuoi, puoi aiutare questi bambini con una donazione.

Dona ora

Il recente peggioramento della crisi di Cabo Delgado è stata trascurata dalla comunità internazionale. Gli aiuti umanitari sono disperatamente necessari, ma non abbastanza donatori hanno dato la priorità all'assistenza per coloro che hanno perso tutto, anche i loro figli.

È fondamentale che tutte le parti in conflitto garantiscano che i bambini non siano mai bersagli. Si deve rispettare il diritto internazionale dei diritti umani e il diritto internazionale umanitario e intraprendere tutte le azioni necessarie per ridurre al minimo i danni accidentali ai civili, inclusa la fine di attacchi indiscriminati e sproporzionati contro i bambini. 

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche