Fondazione Tim al nostro fianco per contrastare la povertà educativa

Foto all aperto, una fila di bambini di spalle seduti su un terrapieno guardano due gazebo bianchi montati di fronte a loro

Fondazione Tim sostiene il progetto “Riscriviamo il futuro” e si schiera al nostro fianco nel contrasto alla povertà educatva in Italia. Con una donazione di 1,4 milioni di euro, ci aiuterà a raggiungere i bambini che vivono in contesti particolarmente fragili e che subiscono più gravemente di altri le conseguenze socio-economiche del Covid-19.

Maggiori informazioni sul progetto nell'articolo "Riscriviamo il futuro, educazione e opportunità per 100 mila bambini".

Il progetto


Il progetto sostenuto da Fondazione Tim ha l’obiettivo di mettere in rete le scuole e le risorse educative territoriali per creare una comunità in grado di permettere ad ogni bambino di scoprire propri talenti e abilità.

Al centro del progetto si trovano quindi le scuole e i nostri “Punti Luce”, spazi che offrono attività socio-educative gratuite a tutti i bambini che vivono in zone particolarmente deprivate dal nord al sud del paese. L’intervento si svilupperà attraverso il supporto allo studio, il rafforzamento delle competenze digitali, la promozione di stili di vita sani, la promozione di attività rivolte al miglioramento del contesto sociale e civile dei territori. 

Grazie ai ‘Punti Luce’, i bambini possono ricevere piani educativi personalizzati per sviluppare le proprie passioni e i propri talenti - nel campo della musica, dello sport, della cultura - senza che la crisi li costringa a rinunciare alle loro aspirazioni per il futuro.  

Al tempo stesso, il progetto prevede anche un affiancamento delle scuole nel percorso di riorganizzazione della didattica e degli spazi, promuovendo la formazione dei docenti sia per le attività in presenza che a distanza. 

Saranno circa 11 mila i bambini e gli adolescenti che potranno beneficiare di questo sostegno nelle città di Ancona, Bari, Genova, L'Aquila, Milano, Napoli, Palermo, Potenza, Prato, Reggio Calabria, Roma, Sassari, Udine e Venezia. 

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche