In Guatemala le ragazze hanno alzato la voce contro i matrimoni precoci

Pubblichiamo oggi una bella storia di successo, che racconta come grazie alla partecipazione e dando voce a bambini e adolescenti, si possono cambiare le cose. In Guatemala non è più possibile sposarsi prima dei 18 anni e questo risultato è stato raggiunto anche grazie alla partecipazione degli adolescenti stessi.

"Ho 16 anni e non voglio sposarmi", ha detto ad alta voce, Brenda Alviruez, una adolescente di 16 anni, quando ha parlato durante una conferenza, di fronte a giornalisti e a membri del Congresso, per rappresentare le bambine del Guatemala e chiedere l'approvazione del decreto per eliminare il matrimonio precoce.

Dopo questa conferenza, e anche grazie al nostro lavoro in collaborazione con altre organizzazioni della società civile, il 17 agosto, il Guatemala ha approvato il decreto 13-2017, eliminando la possibilità di potersi sposarsi prima dell'età di 18 anni.

Come organizzazione abbiamo lavorato alla conferenza che ha promosso la partecipazione degli adolescenti che, con la loro voce, hanno chiesto l'eliminazione della possibilità di autorizzare il matrimonio prima dell'età di 18 anni.

"Ho molti sogni e obiettivi da realizzare. Ho bisogno dei miei diritti per crescere e difendermi dalle violenze. Ho bisogno che la possibilità di sposarsi prima dei 18 anni venga eliminata...” ha continuato Brenda.

Il Congresso aveva già approvato, nel 2015, un emendamento del Codice Civile che alzava l'età minima per sposarsi a 18 anni, invece dei 14 per le ragazze e 16 per i ragazzi. L’emendamento aveva però un’eccezione che prevedeva la possibilità di sposarsi prima del compimento della maggiore età, in seguito all’approvazione di un giudice competente.

Cindy Menchú, una ragazza della provincia di Quetzaltenango, durante la stessa conferenza, ha dichiarato:

"oggi siamo qui perché siamo la voce di migliaia di ragazze guatemalteche. Sappiamo che centinaia di ragazze sono state costrette a sposarsi semplicemente perché esiste un decreto che permette un'eccezione. Perché dobbiamo ostacolare gli obiettivi e i desideri delle ragazze e degli adolescenti del Guatemala? I figli del Guatemala hanno obiettivi e dobbiamo aiutarli a realizzarli. Il rapporto di potere che viene sancito da un matrimonio precoce influenza i nostri diritti. Perché forzare le ragazze a smettere di studiare, lasciare gli amici e la famiglia per diventare mogli adulte, quando ancora non sono pronte? Il matrimonio precoce non è una cosa giusta per una ragazza e noi, come ragazze, non possiamo difenderci da sole. Ecco perché chiediamo ai deputati di agire a favore dei bambini e degli adolescenti del Guatemala per permetterci di continuare a inseguire i nostri sogni, i nostri desideri e obiettivi per crescere con il nostro Paese."

Dopo questa approvazione, Save the Children in Guatemala ha identificato i passaggi successivi:

  • promuovere l'applicazione del decreto per garantire i diritti dei bambini e degli adolescenti sotto i 18 anni a rischio di matrimonio forzato.
  • Informare i cittadini sull'applicazione del decreto per contribuire alla modifica degli atteggiamenti sociali e culturali sul matrimonio precoce.
  • Promuovere il dialogo per sensibilizzare sulla questione e favorire la definizione di strategie a livello locale.

"Per molti anni non abbiamo ascoltato i bambini, ma hanno molto da dire sui loro diritti e sulla possibilità di crescere liberamente", ha dichiarato il giudice Maria Eugenia Morales, rappresentante della Corte Suprema del Guatemala, che ha espresso il suo pieno appoggio al decreto per radicare il matrimonio infantile.