Rohingya, incendio a Cox’s Bazar: 23 bambini dispersi

Tenda di fortuna nel mezzo di cenere e resti incendiati nel campo di coxs bazar in bangladesh. Sotto la tenda si ripara una famiglia Rohingya di varie persone

Ben 11 persone sono morte nel terribile incendio divampato a Cox’s Bazar lunedì scorso e 23 bambini risultano ad oggi ancora dispersi. Da allora stiamo lavorando 24 ore su 24 nelle operazioni di ricerca continuative e abbiamo ricongiunto 289 minori con le loro famiglie dopo che erano rimasti separati nel caos dell’incendio.

La situazione a Cox’s Bazar dopo l’incendio

L'incendio ha dilaniato Cox's Bazar, il più grande campo al mondo localizzato in Bangladesh, bruciando migliaia di rifugi fatti di teloni e bambù altamente infiammabili. Il fuoco, oltre a provocare la morte di 11 vittime - bambini inclusi - ha lasciato 50.000 persone senza più un tetto, centinaia risultano ancora disperse. 

Con il tuo sostegno possiamo intervenire con rapidità e salvare la vita dei bambini vittime di questa emergenza. Il nostro intervento, senza di te, non sarebbe possibile.

Dona ora

Le famiglie rifugiate, non solo hanno dovuto abbandonare le loro case a causa dell’escalation di violenze per vivere in un campo profughi affollato, in più ora sono stati costretti a guardare quel poco che avevano andare letteralmente in fumo. 

Oltre a questa devastazione, molti dei rifugiati stanno piangendo la perdita dei propri figli. La distruzione causata dal fuoco ci ricorda ancora una volta quale tetro futuro hanno di fronte i bambini bloccati nei campi di Cox’s Bazar. Nonostante gli incessanti sforzi delle comunità umanitarie, un campo profughi non è il luogo in cui un bambino possa crescere.

Tayeba Begum, una volontaria Rohingya di Save the Children, è fuggita dalle fiamme con suo figlio prima che il fuoco entrasse in casa sua. “Quando è scoppiato l'incendio dietro casa mia, ho afferrato mio figlio e ho corso per almeno un chilometro. Ho dovuto lasciare tutto alle spalle e correre per salvare le nostre vite. Tutti i miei averi sono stati ridotti in cenere e ho trovato rifugio a casa di mio fratello che vive nelle vicinanze. Ho visto persone piangere e scappare per salvarsi la vita, ma non potevano andare lontano a causa del filo spinato. L'esercito è arrivato dopo un po' e ha trovato il modo di aiutare le persone a fuggire, tagliando la recinzione davanti a casa nostra. Poi sono entrati i vigili del fuoco e hanno aiutato a spegnere l'incendio. Altrimenti, anche la casa in cui ci siamo rifugiati sarebbe andata a fuoco". 

Le scuole distrutte

Il fuoco ha devastato anche 163 spazi di apprendimento, lasciando 13.266 bambini senza accesso all'educazione. Tutti i 18 spazi gestiti dalla nostra Organizzazione sono stati colpiti dalle fiamme, compreso il materiale didattico e i libri utilizzati dai bambini.

Le strutture sanitarie

Siamo molto preoccupati per il benessere delle donne incinte e dei neonati e bambini sotto i cinque anni che soffrono di mancanza di cibo, acqua e accesso all'assistenza sanitaria, poiché secondo il World Health Organization (OMS), almeno sei strutture sanitarie sono state distrutte dall'incendio. Le organizzazioni umanitarie stanno lavorando rapidamente per distribuire bottiglie d'acqua e serbatoi mobili ai rifugiati, stiamo impiegando personale medico mobile e ambulanze per i ricoveri. 

Stiamo inoltre fornendo il primo soccorso psicosociale a bambini e famiglie in difficoltà che sono stati traumatizzati dall'incendio e sta fornendo kit di accoglienza di emergenza per i rifugiati sfollati. Abbiamo istituito 12 spazi temporanei sicuri per i bambini aperti 24 ore al giorno con personale qualificato per la protezione dei bambini e volontari. 


Per approfondire leggi il comunicato stampa.

L'aggiornamento qui.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche