I laboratori Mamma&bambini degli Spazio Mamme: 4 esempi di attività

mamma e bambina giocano insieme sedute a un piccolo banco

Uno dei pensieri che più affliggono alcune mamme di oggi, non solo quelle che lavorano al di fuori della casa, è il rammarico di passare troppo poco tempo con i figli.

Quando si ha la possibilità di stare a casa il tempo viene impiegato per la pulizia e la cura di tutto ciò che concerne la vita familiare, estromettendo dalla quotidianità i bambini, ai quali non resta che giocare tra fratelli o da soli nel caso di figli unici.


CHE COSA SONO I LABORATORI MAMMA&BAMBINI


I laboratori Mamma&bambini all’interno degli Spazio Mamme ricordano quanto sia importante riprendersi quei momenti di condivisione con i figli, accantonando per una volta, gli stress e gli impegni che prendono continuamente il sopravento.

Ma non solo, le attività che vengono fatte al loro interno accompagnano le mamme nella costruzione di un’attenzione positiva verso i figli, fondamentale per la crescita del bambino.


I laboratori Mamma&bambini si trasformano in un momento prezioso attraverso il quale genitori e figli condividono la realizzazione di un manufatto, finalizzato all’acquisizione di sani stili di vita (es. la creazione della tovaglietta per la colazione), di espedienti che migliorano le dinamiche familiari (es. il barattolo della calma), tutto ciò perché è importante raggiungere la consapevolezza che dedicarsi un periodo di tempo fa bene al rapporto madre figlio. 


I laboratori Mamma&bambini proposti in questi ultimi mesi, allo Spazio Mamme di Sassari, son stati dedicati all’acquisizione di competenze manuali di arte e immagine, qui alcuni esempi. 

4 attività mamma bambino

  • Creattiviamoci: questo laboratorio consisteva nella creazione, da parte dei bambini insieme ai genitori, di manufatti. L’obiettivo non era quello di creare qualcosa “di bello” ma di far emergere le abilità, le passioni e gli interessi dei bambini. Partecipano sempre bimbi di diverse età, dai 2 ai 6 anni, quindi le attività che proponiamo sono compatibili con il metodo UISP (Unione Italiana Sport Pertutti). Ai bambini non viene proposto un modello ma gli viene chiesto di assolvere un compito o risolvere un  problema  secondo  la  propria capacità e competenza, ciò per evitare ansie, frustrazione per un mancato raggiungimento dell’obiettivo e suscitare solo curiosità. Il lavoro svolto è stato il frutto della sinergia tra madre e figlio che ha portato a grandi soddisfazioni per entrambi, nonostante non sia stata raggiunta la “perfezione" sono stati creati piccoli manufatti con materiale di riciclo così i bambini hanno potuto apprezzare l’arte del riciclo e l’importanza di farlo e soprattutto che ci si può divertire con materiale trovato per casa. Il laboratorio rafforza la sicurezza in sé stessi, aumenta la capacità pratico-operativa, amplia la percezione tattile e sviluppa la coordinazione fisico-motoria.
  • Lo yoga per bambini: consiste in una pratica yoga genitore-figlio che crea uno stato di benessere che può essere raggiunto con l’iterazione, per superare le paure, avere fiducia in se stessi e del rapporto indissolubile tra le due figure. I bambini e i genitori fanno ginnastica, si distendono, si rilassano si dedicano un’ora per stare insieme ed eliminano nervosismi
  • Il laboratorio di lettura creativa: incentiva, sia al bimbo che alla mamma, interesse e curiosità verso l’oggetto libro, fa nascere e coltivare il piacere per la lettura in quanto tale, fa divertire, educa all’ascolto e all’attenzione, potenzia l’osservazione per sviluppare l’Immaginazione e la capacità di analisi delle letture. In un periodo dove i bambini si allontanano spesso dalla lettura, attratti da TV, smartphone etc, diventa importante accompagnarli fin da piccoli nella scoperta di questa passione che porteranno avanti per tutta la vita. 
  • Il laboratorio dell’orto in cassetta ha coinvolto i bimbi nella riscoperta del ciclo vitale delle piante e li ha resi piacevolmente consapevoli che possono prendersi cura di un qualcosa di vivo che è più piccolo di loro. Hanno dipinto cassette, messo la terra, piantato e visto spuntare i germogli che ha suscitato in loro grande soddisfazione.

LE PAROLE DI MATTIA, UN BIMBO CHE FREQUENTA LO SPAZIO


“Ciao sono Mattia, ho 4 anni. Sono un bimbo vispo, con tanta voglia di fare… ogni settimana non vedo l’ora che arrivi il mercoledì per poter andare allo Spazio mamme, dove io e la mia mamma ci incontriamo con gli altri bimbi della mia età e le loro mamme, e fare tante cose belle con la colla, i pennelli, i colori e la pasta morbida.
Quando facciamo i lavoretti io sono felice, mamma è vicino a me, in quel momento è li solo per me, mi guarda, mi sorride, mi aiuta a mettere la colla, mi aiuta a ritagliare… e se credo di potercela fare da solo ad usare le forbici per tagliare un cuore, lei mi da coraggio, mi dice che sto facendo bene… lei crede in me ed io sono contento perché mi guarda con i suoi occhi dolci e mi sento forte e coraggioso.
Giocare con gli altri bimbi mi fa stare bene, alle volte litigo perché quel gioco lo voglio io ma poi facciamo la pace e si ritorna a giocare insieme. Tra gli amichetti, c’è Samuele, ha tre anni, non parla molto e quando lo fa non capisco cosa dice. Mamma mi ha detto che non va a scuola e non ha amici. Samuele è felice quando mi vede, vuole giocare come gioco io e quando facciamo la merenda si prende la sedietta per sedersi vicino a me.
Allo spazio mamme ci sto proprio bene… domani sarà mercoledì… chissà che laboratorio faremo”.
Mattia (4 anni)
 

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche