Letterine che fanno crescere

Bambini sostegno a distanza

Mi presento: il mio nome è Gehad, ho 23 anni e mi occupo delle attività del Sostegno a Distanza ad Abnoub, in Egitto.

Quando lavoro sul campo per raccogliere le lettere che scrivono i bambini ai loro sostenitori vivo dei momenti bellissimi. Mi rendo conto che quando raccontano le loro nuove esperienze e avventure lo fanno con tanta passione. Sembra che le righe del foglio non siano mai abbastanza!

Quando poi ricevono in risposta una lettera dai loro sostenitori, sono emozionati e meravigliati nello scoprire dove vivono e quante cose diverse fanno. Realizzano in questo modo che il mondo è molto più grande di quel che immaginavano e sono orgogliosi di condividere questa esperienza con la famiglia e gli amici. Queste lettere sono la fonte dei loro sorrisi, ma anche del mio.

I bambini mi sorprendono sempre. Con il tempo mi accorgo che diventano più creativi e interessati a provare diverse attività proprio grazie alle letterine che ricevono. Scrivere a chi da lontano segue la loro crescita permette a tutti loro di esprimere liberamente se stessi, le proprie idee e di pensare al futuro.

Dopo questo primo anno a Save the Children ci tengo a ringraziare tutti i bambini per quello che ho imparato. Se avessi la possibilità di incontrare i sostenitori, direi loro che hanno tutte le ragioni per essere orgogliosi di quanto fanno per questi bambini.

Sostenendo un bambino a distanza migliorerai la sua vita, quella della comunità in cui vive e anche la tua. Con il Sostegno a Distanza potrai scrivere al bambino e ricevere le sue letterine e, se lo vorrai, potrai andare a conoscerlo in collaborazione con Save the Children. Seguendone la crescita attraverso foto, disegni e aggiornamenti sui risultati raggiunti dal progetto potrai dare vita ad un legame unico e vedere con i tuoi occhi l’impatto positivo delle tue donazioni.

Attiva un Sostegno a Distanza!

Bastano 80 centesimi al giorno, il costo di un caffè, per poter migliorare la vita di un bambino e della sua comunità, aiutandoci ad assicurare cure mediche, acqua potabile, cibo e istruzione.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche