Voci dal campo: la siccità mette in ginocchio anche il Kenya

Bambini malnutriti in Kenya a causa della siccità

Lo scorso mese la nostra collega inglese Megan ha visitato la regione di Turkana, in Kenya, gravemente colpita da una siccità che sta mettendo in ginocchio intere comunità e mettendo a rischio la vita di migliaia di bambini. Questo il suo racconto.

“Appare chiaro che questo non è un anno normale a Turkana. Il paesaggio è deserto e tira un forte vento caldo. I pochi alberi di acacia hanno perso il loro colore e non possono più offrire protezione dal sole. Nei tragitti in macchina incontriamo gruppi di bestiame visibilmente malnutriti e le carcasse degli animali che non ce l’hanno fatta. Le scarsità delle piogge è catastrofica per le comunità del posto che fondano la propria sussistenza sulla pastorizia e sull’allevamento del bestiame. Non piove più e tutti sono molto preoccupati.

Save the Children è presente per rispondere a questa emergenza siccità in molte località a Turkana, così da decentralizzare l’intervento e fornire servizi di salute e nutrizione nei centri urbani. Molte donne e bambini non ricevono le cure di base per la malnutrizione semplicemente perché vivono troppo lontano dalle strutture sanitarie. Per questo motivo lavoriamo per portare i nostri servizi più vicini alle comunità. In questo modo possiamo fornire cure di base per bambini gravemente malnutriti e donne incinte.

In una grave crisi come quella che sta affrontando il Kenya, le probabilità di andare incontro alla malnutrizione sono alte. Le famiglie hanno poco cibo a causa dei raccolti ridotti, il bestiame muore e le persone si ammalano a causa del ridotto accesso a fonti di acqua potabile. Le donne incinte sono tra i soggetti a più alto rischio malnutrizione perché hanno bisogno di ancora più energia e nutrienti per la gravidanza e la produzione di latte.

L’infermiera mi ha presentato Charlotte* e sua figlia Andaiye*, di sette mesi e gravemente malnutrita. Pesa quanto un bambino di otto settimane. Charlotte ci ha raccontato di aver nutrito la figlia solo con del tè zuccherato perché non aveva altro cibo in casa.

La piccola Andaiye* è oggi iscritta al programma per il trattamento dei bambini gravemente malnutriti e la sua situazione è costantemente tenuta sotto controllo perché rischia di andare incontro, nel breve termine, a malattie e complicazioni, visto che la malnutrizione ha compromesso il suo sistema immunitario. I rischi della malnutrizione a lungo termine hanno un impatto sulla crescita e lo sviluppo delle capacità cognitive.

Come Andaiye* sono ancora tantissimi i bambini che hanno urgente bisogno di cibo e cure per sopravvivere a una gravissima siccità”.

Il mondo sta chiudendo gli occhi di fronte a un'emergenza che, dall'Africa al Medio Oriente, sta mettendo a rischio la sopravvivenza di 1,4 milioni di bambini. Possiamo e dobbiamo evitare una nuova catastrofe umanitaria. Per questo abbiamo urgentemente bisogno del tuo aiuto.