una decina di bambini seduti a un banco di scuola alzano la mano alla domanda della maestra

Un nuovo modello contro la povertà educativa, che rafforzi e metta in rete tutti gli attori della comunità educante, con al centro la scuola e il protagonismo giovanile e che promuova l’uso positivo delle tecnologie digitali.

È S.C.AT.T.I., Scuola, Comunità, Attivazione, Territori, Innovazione, il progetto nazionale finanziato dall’Impresa Sociale Con i bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, che coinvolge 27 partner tra enti locali, scuole e organizzazioni di terzo settore con ente capofila la Cooperativa Sociale E.D.I. - Educazione ai Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. 


Il progetto opera a livello locale in 4 aree: Giambellino a Milano, Ponte di Nona a Roma, Scalea e Praia a Mare in provincia di Cosenza e Zen a Palermo


Il progetto prevede in tutte le aree in cui è attivo quattro macro azioni: 

  • L’attivazione e il consolidamento di reti scuola-territorio e reti tra scuole per la pianificazione congiunta. 
  • La realizzazione di attività educative e il rafforzamento delle competenze degli alunni, su proposta e con il coinvolgimento degli stessi, delle loro famiglie e della comunità educante. 
  • L’attivazione di laboratori permanenti per l’uso consapevole, positivo e integrato delle tecnologie digitali a scuola e fuori scuola. 
  • Attività di comunicazione e advocacy partecipata. 

Obiettivo centrale è promuovere il protagonismo giovanile attraverso attività mirate che offrano ai più piccoli l’opportunità di avanzare proposte concrete per un reale cambiamento dei territori in cui vivono nonché l’apporto di tutti gli attori della comunità nel sostenere, attraverso una progettazione partecipata, le scuole nel loro ruolo educativo. 


Tanta l’attenzione al digitale. Insegnanti ed educatori seguiranno specifiche attività di formazione per un uso consapevole e positivo delle nuove tecnologie, così come anche i genitori e gli operatori locali. È prevista inoltre l’attivazione di laboratori scolastici permanenti, con un focus sui rischi online e la creazione di un sito web per lo scambio di informazioni ed esperienze.


Tra le attività previste anche l’apertura delle scuole per attività extrascolastiche e l’implementazione di attività didattiche, educative, culturali, anche nei periodi di chiusura degli istituti scolastici. Particolare attenzione sarà, infine, dedicata gli alunni con bisogni educativi speciali, che avranno percorsi specifici di inclusione e presa in carico integrata.  


Il progetto prevede la partecipazione di: 


Istituti scolastici:

  • I.C. Narcisi
  • I.C. Nazario Sauro
  • I.C. Villaggio Prenestino
  • I.C. Maria Grazia Cutuli
  • I.C. Elisa Scala
  • I.C. Via delle Alzavole
  • I.C. Gregorio Caloprese
  • I.C. Praia a Mare
  • I.C. Leonardo Sciascia

Partner istituzionali:  

  • Comune di Milano – Municipio VI 
  • Comune di Roma – Municipio VI
  • Comune di Palermo 
  • Comune di Praia a Mare
  • Comune di Scalea

 
Il progetto prevede, al fine di analizzare l’efficacia delle azioni messe in campo, l’attività di valutazione di impatto affidata a Ricerca Azione Onlus.