Diverse lingue, stessi diritti