Emergenza Siria

La crisi in Siria si protrae da 10 anni ed è tra le più gravi di questo tempo. Sono più di 11.8 milioni le persone che hanno urgente bisogno di assistenza, tra queste 5 milioni sono bambini. 

Dona ora
Dona come azienda

L'emergenza covid-19 in siria

La diffusione del virus è pericolosissima in aree come quella del nord-ovest della Siria, dove il sistema sanitario è al collasso e i posti in terapia intensiva sono pochi. La variante Delta sta ulteriormente mettendo in difficoltà i sanitari, costretti a centellinare i tamponi. Mentre aumentano i casi tra i più giovani, sono proprio i bambini e gli adulti con problemi di salute preesistenti ad essere più a rischio, perché molte operazioni mediche non urgenti sono state sospese.

Stiamo lavorando a piani di emergenza per garantire che il nostro lavoro possa continuare e ci stiamo preparando a rispondere ai bisogni dei bambini colpiti dalla pandemia, ma è una corsa contro il tempo. Il tuo aiuto può fare la differenza per tutti quei bambini siriani che hanno già perso tutto, vivono in campi improvvisati e sovraffolati e ora si trovano davanti a questa nuova crisi senza alcuna protezione.

Dona ora

10 anni di guerra sui bambini

Oggi, in Siria, l’80% della popolazione vive sotto la soglia di povertà e 6,2 milioni di bambini rischiano di restare senza cibo, di cui almeno 137 mila sotto i cinque anni di età che già in questo momento stanno soffrendo di malnutrizione acuta. Solo durante l'anno scorso 1.454 bambini sono stati uccisi o sono rimasti gravemente feriti e sono stati registrati 157 gli attacchi armati contro le scuole. Anche il loro futuro è a rischio: 2 milioni di bambini non vanno a scuola o non hanno accesso all'istruzione e altri 1,3 milioni rischiano fortemente di perdere la possibilità di poter studiare.

Siamo intervenuti sin dai primi giorni del conflitto per portare soccorso ai bambini e alle famiglie siriane, ma c'è ancora tanto da fare. Continueremo a rimanere al loro fianco, finché ogni bambino sarà al sicuro. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per farlo.

Dona ora

Cosa stiamo facendo

Dall’inizio della crisi, insieme ai nostri partner sul campo, abbiamo fornito sostegno a 4,2 milioni di persone, inclusi 2,6 milioni di bambini. 

Operiamo in 4 strutture sanitarie e in 7 centri nutrizionali nel Nord-Ovest del Paese, mentre nel Nord-Est supportiamo 3 cliniche sanitarie e 3 centri mobili per mamme e bambini.

Continuiamo inoltre a lavorare nel contesto educativo: forniamo il nostro sostegno a 125 strutture scolastiche formali ed informali, tra cui i nostri Centri per la Cura e lo Sviluppo della Prima Infanzia e gli Spazi a Misura di Bambino.

Siamo impegnati - in particolare nel Nord Ovest della Siria - nel rispondere alle necessità delle famiglie attraverso la distribuzione di cibo, kit per l’igiene, coperte, ripari contro il freddo, altri beni di prima necessità, supporto psicosociale, interventi per trasportare le persone fuori dalle aree di conflitto, attività a sostegno della sicurezza alimentare.

Siamo inoltre presenti in Libano, Giordania, Egitto e Iraq, dove tantissime persone fuggite dal conflitto cercano riparo.

Sostienici

Le conseguenze di 10 anni di conflitto sui bambini siriani sono devastanti. 

Abbiamo urgentemente bisogno del tuo sostegno per salvarli.

Dona ora
Dona come azienda

Il nostro intervento in Giordania

La Giordania ospita il più grande campo profughi della regione: il campo di Za'atari dove vivono circa due terzi dei rifugiati siriani. Qui ogni giorno supportiamo le famiglie e i bambini attraverso la distribuzione di buoni pasto per acquistare cibo al mercato locale, forniamo supporto psicologico e portiamo avanti attività educative. Inoltre gestiamo Spazi a Misura di Bambino in diverse zone del Paese dove bimbi e ragazzi possono trovare un posto sicuro e protetto in cui giocare, stare con i coetanei e tornare ad essere semplicemente bambini.

Con il nostro intervento abbiamo raggiunto finora 264.855 persone, di cui 153.557 bambini.

Il nostro intervento in Libano

Lavoriamo in Libano per proteggere i bambini siriani che vivono nei campi informali del Paese rafforzando il sistema di protezione esistente. Inoltre portiamo avanti campagne di sensibilizzazione sulle buone pratiche igieniche e sull'importanza dell'educazione per promuovere il ritorno sui banchi dei bambini che hanno dovuto abbandonare la scuola.

Con il nostro intervento abbiamo raggiunto finora  158.520 persone, di cui 86.486 bambini.

Il nostro lavoro in Iraq

In Iraq ci occupiamo di protezione, sostegno psicologico ed educazione dei più piccoli attraverso Spazi a Misura di Bambino e appositi Centri Temporanei per l’Apprendimento. Stiamo inoltre migliorando l’accesso all’acqua potabile e distribuendo kit igienici per evitare la diffusione di epidemie.

Con il nostro intervento abbiamo raggiunto finora 10.479 persone, di cui 9.258 bambini.

Il nostro intervento in Egitto

In Egitto abbiamo creato sei centri per bambini e famiglie a Il Cairo dove forniamo supporto psicosociale. In ambito sanitario realizziamo campagne di vaccinazione per contrastare la poliomielite e l’epatite e distribuiamo kit igienici. Abbiamo inoltre formato personale medico e infermieristico sulla salute materno-infantile.

Con il nostro intervento abbiamo raggiunto finora  27.119 persone, di cui 14.092 bambini.