bambino yemen apparecchio orecchio

In Yemen da marzo 2015 è in corso un sanguinoso conflitto. Siamo di fronte a una delle peggiori crisi umanitarie di sempre: l'80% della popolazione necessita di aiuto e assistenza immediata, inclusi 12,3 milioni di bambini. Costretti a vivere sotto le bombe, ogni giorno rischiano di subire le peggiori conseguenze della guerra: mutilazioni, fame e malattie. Dall’inizio degli scontri 19 mila raid aerei hanno devastato scuole, ospedali e infrastrutture, obbligando 1,5 milioni di bambini a fuggire dalle loro case e uccidendo o ferendo gravemente migliaia minori.

Dona ora

Sei un azienda?

LE ULTIME NOTIZIE DAL CAMPO

Il 26 marzo una bomba caduta a soli 50 metri dall’entrata di un ospedale che sosteniamo ha causato otto vittime tra cui cinque bambini. Un’ulteriore tragedia avvenuta nel giorno del quarto anniversario dell'inizio della guerra in Yemen, dove a causa dei continui attacchi ogni mese 37 bambini perdono la vita. L’emergenza umanitaria peggiora di settimana in settimana. Il conflitto ha fatto collassare l’economia, paralizzato i servizi sociali e bloccato l’arrivo di beni primari per la popolazione.
La chiusura del porto di Hodeidah, di importanza strategica per il Paese, ha provocato una delle più grandi carestie degli ultimi 100 anni. Cibo, acqua e farmaci scarseggiano e gli aiuti umanitari hanno subito un arresto con conseguenze devastanti. I tassi di malnutrizione sono molto alti, 1,8 milioni di bambini sotto i cinque anni sono malnutriti e 30.000 perdono la vita ogni anno. 

Più della metà delle strutture sanitarie sono chiuse o parzialmente in funzione e in molte zone non ci sono medici disponibili. 16 milioni di persone non hanno accesso a fonti d’acqua potabile, inclusi 8,1 milioni di bambini. I casi di colera sono in continuo aumento. A correre rischi gravissimi è soprattutto chi soffre di malnutrizione: a causa di un sistema immunitario più debole per i bambini malnutriti la possibilità di morire è tre volte maggiore.

GUARDA CON I TUOI OCCHI LA SITUAZIONE IN YEMEN

Cosa stiamo facendo

Dal 2015 i nostri operatori sono sul campo e lavorano senza sosta per distribuire cibo e acqua potabile ai bambini e alle famiglie più vulnerabili.

Grazie al nostro programma di salute e nutrizione forniamo assistenza attraverso 188 ambulatori e tre cliniche mobili. Per limitare la diffusione di epidemie abbiamo organizzato programmi sulle buone pratiche igienico-sanitarie e distribuito kit igienici. In questi quattro anni abbiamo assicurato cure contro la malnutrizione a circa 165.000 bambini sotto i cinque anni.

Finora abbiamo accolto e protetto più di 192.000 minori nei nostri Spazi a Misura di Bambino, luoghi sicuri dove li aiutiamo a superare i traumi psicologici causati da anni di conflitto.

Ma sono ancora troppi i bambini vittime di questa guerra.

Per loro, il tuo aiuto può fare la differenza tra la vita e la morte.