Beirut, dopo il disastro molte le famiglie vulnerabili

Due bambini libanesi in piedi davanti alla loro casa danneggiata dall esplosione avvenuta a Beirut

Sono passate due settimane dalle catastrofiche esplosioni che hanno devastato l’area portuale della città di Beirut, in Libano. Oggi, molte famiglie rese vulnerabili dal disastro hanno un disperato bisogno di sostegno, vivono ancora in case con danni gravi strutturali e con accesso limitato all'assistenza sanitaria e ad altri servizi di base.

Beirut, le famiglie in difficoltà

Secondo una nostra valutazione realizzata sul campo su 470 famiglie nei quartieri entro un raggio di 4 km dal porto di Beirut, i dati raccolti dipingono uno scenario a tinte fosche.

  • Una famiglia su quattro (24%) non aveva accesso all'assistenza sanitaria, con molte di loro che non riuscivano a seguire i trattamenti sanitari di routine o non riuscivano a procurarsi i medicinali.
  • Il 17% delle case aveva soffitti crollati, l'11% aveva travi danneggiate e il 26% aveva subito danni ai balconi.
  • 18 bambini erano stati temporaneamente separati dai genitori o non erano accompagnati.
  • Il 32% delle famiglie ha riferito la necessità di supporto psicosociale per aiutare genitori e figli ad affrontare questa terribile esperienza.

Questa situazione grava su una popolazione già messa in ginocchio da una grave crisi economica che da oltre un anno ha colpito il Paese e che è stata ulteriormente aggravata dalla pademia di coronavirus.

Un quarto delle famiglie coinvolte nell’esplosione non aveva o non ha attualmente membri con un reddito, con solo il 6% delle famiglie che è riuscita a mettere da parte dei risparmi.

Gli ospedali sovraffollati e un'assistenza sanitaria privata insostenibile hanno contribuito a far sì che le persone non ricevessero cure mediche urgenti o di routine. Le donne incinte, i bambini e le persone con disabilità si trovano in una posizione particolarmente vulnerabile. Più della metà (55%) delle famiglie o persone che abbiamo intervistato ha raccontato di avere in famiglia in media due persone affette da malattie croniche o in condizioni mediche critiche.

Il nostro intervento a Beirut

Per aiutare i più vulnerabili, abbiamo intensificato la nostra risposta a Beirut. Abbiamo sostenuto 734 famiglie distribuendo tende ed altri rifugi per chi ha avuto danni alle abitazioni, aperto spazi a misura di bambino dove i minori possono giocare in sicurezza e interagire con i coetanei, abbiamo aiutato 245 adulti e bambini attraverso il sostegno psicologico e fornito 4.800 pasti caldi e pacchi di cibo per chi ne aveva bisogno.  

Anche se molti giovani volontari, organizzazioni e ONG hanno lavorato duramente per sostenere le comunità colpite, l'entità della distruzione e delle necessità della popolazione sono così grandi che c’è un urgente bisogno di maggiore sostegno per garantire alle famiglie un posto sicuro in cui vivere e l'accesso a cure mediche e psicologiche.

Dona ora

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche