Beirut: la situazione a un anno dalle esplosioni

due bambini ripresi in lontananza all interno di una stanza con le pareti rosse sono appoggiati al muro uno a fianco dell altro. davanti a loro i panni stesi.

Il 4 agosto ricorre il primo anniversario dalle terribili esplosioni di Beirut, in Libano, a causa delle quali morirono oltre 200 persone e più di 7000 rimasero ferite.

Le esplosioni di Beirut hanno contribuito a peggiorare ulteriormente la crisi economica nel Paese. Secondo un’analisi che abbiamo effettuato sulla situazione finanziaria delle famiglie l’ammontare mancante per acquistare beni di prima necessità è salito alle stelle, con un aumento del 550% nell'ultimo anno. 

Centinaia di migliaia di bambini in Libano sono ridotti alla fame perché i genitori non riescono ad acquistare beni di prima necessità come cibo, elettricità e medicine.

Noi siamo vicini a queste famiglie, soprattutto ai bambini più vulnerabili, ma la situazione è davvero drammatica e c’è bisogno anche del tuo aiuto. Sostieni i bambini libanesi, DONA ORA

La povertà in Libano

 
L'impatto dell'esplosione unito alla crisi economica, alla diffusione del COVID-19 e al più alto picco dei prezzi alimentari nel mondo, ha portato più famiglie in Libano a ricorrere a misure disperate: mangiare di meno, utilizzare cibo di qualità scadente, comprare cibo a credito e vendere mobili.

Molti stanno tagliando le spese per la salute e l'istruzione e sopravvivono con risparmi o denaro preso in prestito, o mandando i propri figli a fare lavori pericolosi solo per tirare avanti mese dopo mese.
 

Una testimonianza da Beirut


“Mio figlio e mio marito sono rimasti feriti nell'esplosione, quindi hanno avuto bisogno di farmaci e controlli. Tutto è costoso, non possiamo nemmeno permetterci yogurt o formaggio. Dobbiamo dividere il sacco del pane per due giorni e la carne è un lusso che non possiamo permetterci. I nostri figli sanno che non possono chiedere nulla ora, perché le nostre uniche risposte sarebbero no o non ora” ha affermato Salma, una siriana residente a Beirut, madre di tre figli.

Centinaia di migliaia di bambini vanno a letto affamati, spesso senza aver mangiato un solo pasto quel giorno. Le famiglie non possono permettersi l'elettricità per far funzionare un frigorifero o l'acqua calda, o le medicine di cui hanno bisogno per curare le malattie. 

Cosa chiediamo

Il governo del Libano e la comunità internazionale devono iniziare a trattare la situazione nel Paese per quello che è: una crisi umanitaria a tutti gli effetti guidata da un'economia al collasso totale. Questa crisi è interamente causata dall'uomo, quindi può anche essere risolta dall'uomo. Se ciò non accadrà, i bambini continueranno a rischiare di morire di fame ogni giorno.
 

Chiediamo ai donatori di dare la priorità ai finanziamenti per un sostegno in denaro distribuito in modo trasparente alle famiglie più vulnerabili di tutte le nazionalità in Libano. Il governo libanese dovrebbe anche istituire urgentemente un programma di rete di sicurezza sociale basato sul denaro, per coprire i bisogni basilari mensili delle famiglie, in modo che possano garantire ai bambini accesso a cibo, elettricità, assistenza sanitaria, acqua pulita e possano continuare a frequentare la scuola.

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche