Grave crisi alimentare in Madagascar

una mamma del Madagascar tiene in bracco sua figlia. La madre indossa una maglietta marrone, la bambina un vestito rosa. La piccola ha u braccio appoggiato al petto della madre e guarda in camera grata verso l obiettivo, la madre guarda la bambina.

Una grave crisi alimentare sta colpendo il Madagascar, la più pesante delle ultime due generazioni, a causa della quale un bambino su 6 al di sotto dei 5 anni soffre di malnutrizione acuta. Siccità, tempeste di sabbia e invasioni di locuste stanno mettendo a durissima prova la popolazione.

Abbiamo inviato un team nel sud del Madagascar per fornire un sostegno in denaro alle famiglie per garantire ai bambini l’accesso a cibo nutriente, ma abbiamo bisogno del tuo sostegno. Tu puoi aiutarci a fornire soccorsi e protezione nelle emergenze più gravi, come questa. Dona ora, grazie. 

Mancano acqua e cibo in Madagascar

Molte delle famiglie il cui sostentamento dipendeva dall’agricoltura si sono trasferite nelle città vicine, riducendo la disponibilità di risorse che già è molto scarsa.

Si vedono persone raccogliere acqua dalle pozzanghere in strada, ogni giorno genitori e figli sono costretti a camminare per chilometri per raccogliere l'acqua e venderla e per portare in tavola una ciotola di riso o qualche tubero. Un pasto al giorno non è sufficiente per un adulto e di certo non lo è per i bambini in crescita.

Quella in Madagascar è una crisi dimenticata e sottofinanziata che colpisce soprattutto i bambini che non hanno accesso ai nutrienti essenziali per la crescita e all’istruzione a causa della fame e dell'impossibilità dei loro genitori di pagare le tasse scolastiche.

Il denaro e il cibo distribuiti sono appena sufficienti per aiutare le persone a sopravvivere e stare in piedi. Chiediamo ai governi di finanziare urgentemente la risposta in Madagascar e sostenere i servizi sanitari e nutrizionali per i bambini nei distretti più colpiti, compreso il trattamento della malnutrizione acuta.


Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche