Nigeria, preoccupazione per gli studenti rapiti

Aula con banchi di scuola e lavagna allestita in un tendone

C’è grande preoccupazione per il rapimento in Nigeria di un numero imprecisato di studenti, avvenuto dopo l’attacco a una scuola nello stato nello stato di Katsina (nord ovest delle Nigeria).

Centinaia gli studenti scomparsi

Non si hanno notizie delle centinaia di studenti rapiti a scuola, in un luogo che dovrebbe essere sicuro e di apprendimento ma che per loro e le famiglie si è trasformato in un incubo. Quanto accaduto potrebbe avere un impatto profondo non solo sui ragazzi che sono stati presi, ma anche su quelli che sono dovuti fuggire e nascondersi dalla violenza delle armi o su quelli che hanno visto cosa è successo.

La scuola come luogo sicuro

La Nigeria ospiterà la quarta conferenza internazionale sulle scuole sicure nel 2021 ed è uno dei primi Paesi africani ad approvare la Safe School Declaration, un impegno politico intergovernativo per proteggere studenti, insegnanti, scuole e università dai peggiori effetti dei conflitti armati.

Condanniamo qualsiasi attacco alle scuole e agli studenti come una grave violazione dei diritti dei bambini: dovrebbero essere in grado di andare in aula in sicurezza per imparare e interagire con i loro amici e insegnanti. Il reclutamento di minori da parte di gruppi armati nella regione del Sahel è in aumento, ma i bambini non trovano posto in conflitti o violenze. Chiediamo a tutte le parti di garantire che gli studenti scomparsi vengano restituiti immediatamente alle loro famiglie e alle loro scuole. 

Per approfondire leggi il comunicato stampa.
 

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche