#SaveWithCrypto: web3 e il sostegno dei bambini in guerra

mamma con due bimbi su una panchina blu con logo save the children italia con una busta con aiuti umanitari

La guerra in Ucraina ha già causato lo sfollamento di 2,8 milioni di bambini e bambine e più di 2 milioni sono stati costretti a fuggire nei Paesi vicini. Sono bambini e bambine che stanno correndo rischi altissimi, oltre quelli di rimanere uccisi o feriti, come subire traumi indelebili.

Il web3 in supporto dei bambini ucraini

7,5 milioni di bambini e bambine, nel totale, sono dovuti fuggire dalle loro case e 450 sono stati uccisi o feriti

Per aiutare ancor di più bambini, bambine e le loro famiglie più colpite dalla crisi ucraina abbiamo avviato per la prima volta una raccolta fondi con possibilità di donazioni anche in criptovalute. Crediamo che anche questi nuovi strumenti, se utilizzati in modo aperto, sicuro e trasparente, possano contribuire alla nostra missione.

Da oggi quindi nel Web3, ci sarà la possibilità di contribuire concretamente con una criptodonazione che si trasformerà in aiuti salvavita per le bambine e i bambini che vivono in situazioni di conflitto e permetterà di intensificare la risposta alla crisi in Ucraina e nei paesi limitrofi, oltre che in Italia. 

Come donare

Per donare i donatori possono generare dinamicamente un indirizzo di portafoglio crittografico sulla pagina dedicata alle criptovalute e indicare l'importo che desiderano donare. La donazione verrà convertita in FIAT e sarà utilizzata per garantire protezione e aiuti immediati.

Le criptovalute possono essere una grande risorsa perché rappresentano un flusso di finanziamento alternativo per le emergenze globali, come la crisi in Ucraina. 

CryptoArt4Children

Quello che la crisi ucraina sta facendo vedere al mondo è quanto si consuma da anni in numerosi scenari di guerra, a scapito di milioni di bambini e bambine.

È fondamentale intervenire immediatamente per portare sia beni di prima necessità, quali cibo, vestiti, medicine, ma anche il supporto psico-sociale per elaborare i traumi subiti. 

Ecco perché lanciamo anche l’iniziativa “CryptoArt4Children” in collaborazione con Wrong Theory e si fa portavoce del valore filantropico nel mondo della criptoarte. 

I criptoartisti che decideranno di rispondere alla nostra chiamata potranno mandare la loro candidatura a criptodonazioni@savethechildren.org o fare la loro application sul sito dedicato di WronngTheory ed essere tra coloro che potranno devolvere l’incasso derivante dalla vendita di una loro opera NFT a sostegno dei bambini che vivono in situazioni di conflitto. Un modo ulteriore per dimostrare il grande potenziale della blockchain. Tra i criptoartisti che hanno già aderito troviamo Adriano Attus, Alessandro Bavari, Andrea Crespi, Fabiano Speziari, Davide Petraroli e molti altri.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche