In Sud Sudan tornano a colpire le inondazioni

Una ragazzina sud sudanese seduta sui gradini davanti casa sua tiene in braccio una bambina piccola vestita di rosso.

Inondazioni, conflitti e difficoltà economiche continuano a colpire in Sud Sudan i bambini e le persone più vulnerabili e più di 8 milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria.

Abbiamo intensificato la nostra risposta umanitaria ma abbiamo bisogno del tuo aiuto per raggiungere i bambini più vulnerabili. Aiuta i bambini sud sudanesi, DONA ORA.

sfollati nelle inondazioni in Sud Sudan

Le prime piogge stagionali hanno già causato inondazioni in vaste aree del Paese colpendo gli insediamenti. Le zone più colpite sono gli stati di Jonglei e Unity, dove vive circa il 58% delle persone colpite, seguiti dagli stati di Upper Nile e del Bahr el Ghazal occidentale e settentrionale.

Ci sono ancora 100.000 persone sfollate dalle inondazioni del 2020 che non sono ancora potute rientrate nelle loro case. Attualmente queste persone si trovano nei campi per sfollati interni di Bor, Mangalla e Mingkaman.

In totale sono 8,3 milioni le persone, compresi i rifugiati, che in tutto il Paese hanno bisogno di assistenza umanitaria. Inoltre, il benessere e la salute di milioni di persone sono a rischio a causa di un sistema sanitario già fragile e ulteriormente indebolito da diversi fattori, tra cui il Covid-19. Sono sempre di più i bambini che hanno bisogno di cure per la malnutrizione acuta e si stima che nel 2021 ben 2,8 milioni di minori (di cui il 51% sono bambine e ragazze) siano rimasti fuori dal sistema scolastico , oltre ai 98.500 bambini rifugiati in età scolare, di cui 18.000 non scolarizzati.
 
Le persone colpite dalle inondazioni hanno bisogno di assistenza alimentare, alloggi di emergenza, beni non alimentari, servizi igienico-sanitari, kit per l'igiene, beni e servizi sanitari e nutrizionali, servizi di protezione e kit per la pesca come supporto all’autosostentamento.

Fino a settembre di quest'anno abbiamo raggiunto circa 1 milione di persone e stiamo lavorando per raggiungerne 1,6 milioni entro il 31 dicembre attraverso programmi educativi, sanitari, nutrizionali, di protezione all’infanzia, sicurezza alimentare e sussistenza.

Stiamo implementando programmi educativi nelle scuole e nei centri di accoglienza per i giovani, coinvolgendo insegnanti volontari e fornendo incentivi per la formazione di educatori e funzionari governativi dell'istruzione, materiali didattici per aumentare e migliorare i risultati dell'apprendimento, la sostituzione di materiale didattico, la ristrutturazione dei servizi igienici separati per genere e delle forniture idriche.
 
 Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche