Vicini al popolo afghano, riprenderemo le attività appena possibile

due bambine afghane riprese mentre camminano di spalle in territorio desertico

Siamo profondamente preoccupati per la situazione dei bambini e delle famiglie in Afghanistan, compresi i circa 75 mila bambini che hanno dovuto abbandonare le proprie case nell’ultimo mese e mezzo.

Il nostro impegno continua

Continua il nostro impegno e la nostra dedizione nei confronti del popolo afghano e rimaniamo a lavorare nel Paese, non abbandoneremo le comunità che supportiamo dal 1976, con lo stesso impegno di sempre. 

Già prima dell'attuale escalation di violenze e degli sfollamenti di massa, la situazione umanitaria per i bambini in Afghanistan era disastrosa, non solo per il conflitto in corso ma anche a causa della siccità e delle conseguenze del Covid-19. Ora vediamo ancora più bambini soffrire di fame e altre migliaia vivere all'aperto senza cibo o cure mediche.

Al momento abbiamo dovuto sospendere la maggior parte delle attività a causa del conflitto in corso e della situazione instabile, ma contiamo di riprenderle non appena le condizioni di sicurezza lo consentiranno. 

Esortiamo quindi tutte le parti in conflitto a porre fine alla violenza, proteggere l'accesso umanitario e rispettare il diritto umanitario internazionale.

I bambini afghani meritano un futuro senza violenza e di poter vivere al sicuro dai conflitti.

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Per sostenere i bambini più vulnerabili, dona ora al nostro Fondo Emergenze per i Bambini.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche