Salta al contenuto della pagina

Stop alla guerra sui bambini

bambina ferita con benda

Sono 452 milioni i bambini e le bambine in tutto il mondo – uno su sei - che vivono in aree colpite da conflitti, tra questi 200 milioni sono in zone di guerra ad alta intensità di violenze.

Parliamo di bambini che rischiano ogni giorno di essere uccisi o mutilati, reclutati, rapiti, abusati sessualmente, di vedere le loro scuole attaccate o di essere lasciati senza aiuti.

A tutto questo si è aggiunta in questi mesi la minaccia del coronavirus e i suoi effetti collaterali gravissimi per la salute, la nutrizione e l’istruzione dei bambini.

Il presente e il futuro di intere generazioni è drammaticamente a rischio.

Chiediamo fortemente che gli Stati, i militari e tutti gli attori che hanno influenza sulla vita dei bambini in conflitto si impegnino ad effettuare azioni concrete per la protezione dei bambini.

Cosa puoi fare tu

  • fiori disegnati e scritta coltiviamo la pace

    Coltiviamo la pace

    Con la campagna Coltiviamo la Pace invitiamo tutte le persone, da ogni parte del mondo, a invadere i social media, le strade e ogni luogo con fiori per questi bambini.

  • un bimbo e una bimba ci guardano, lei con cappellino rosso e maglioncino nero e bianco a righe e lui con una camicia azzurra. Sono tristi.

    Emergenza Afghanistan

    La situazione è in continuo peggioramento in Afghanistan e la vita dei bambini è in pericolo. Aiutaci anche tu, firma per assicurare ai bambini afghani l'aiuto umanitario di cui hanno bisogno.

Ascolta il podcast

Un podcast che racconta le guerre più tristemente famose della storia attraverso gli occhi dei bambini e delle bambine che le vivono o le hanno vissute: Children of War, 5 guerre, 5 storie di bambini cresciuti durante i conflitti.

Germania, Nigeria, Rwanda, Siria, Yemen. Un filo rosso collega i conflitti passati con quelli ancora in corso: le terribili sofferenze dei bambini coinvolti. 

Ascolta i podcast

collage di foto di bambini su sfondo nero

Scopri di più sulla campagna

Dal 2019 portiamo avanti la campagna Stop alla guerra sui bambini, per dire basta alla sofferenza che milioni di loro sono costretti a subire nei paesi in guerra.