martelletto del giudice in primo piano

Contesto

La nuova strategia dell'UE in materia di formazione giudiziaria per il periodo 2021-2024 intende dotare i professionisti della giustizia dell'UE delle competenze necessarie per esercitare le loro funzioni nel 21° secolo. A tal fine, stabilisce nuove priorità per i fornitori di formazione giuridica, da perseguire, tra l'altro, attraverso attività finanziate dal Programma Justice.

Uno dei principali temi di formazione individuati è quello dei diritti dei minori e l'adattamento dei sistemi giudiziari alle loro esigenze, in modo coerente con i principi della child-friendly justice. Il rafforzamento dei diritti di bambine, bambini e adolescenti è al centro di molteplici iniziative politiche dell'UE adottate negli ultimi anni, culminate nella nuova Strategia UE sui diritti dell'infanzia, presentata a marzo 2021.

Tuttavia, alcuni Stati membri sono rimasti indietro nel loro impegno in tal senso. Grecia e Cipro occupano gli ultimi posti nello Scoreboard, senza misure concrete in atto per garantire che i minorenni godano di un accesso adeguato ai loro sistemi giudiziari.

Progetto

Child Front, co-finanziato dalla Commissione europea attraverso il programma Justice (JUST), mira a sostenere una giustizia a misura di minore in Grecia e Cipro, i due Stati membri con i punteggi più bassi in questo settore (2020 Justice Scoreboard). Il progetto prevede di raggiungere i risultati previsti, attraverso scambi multilaterali di buone pratiche, formazione interdisciplinare e transfrontaliera per 235 giudici e pubblici ministeri, e 8 formatori in Grecia e Cipro.

Save the Children interviene insieme a un consorzio che si compone di 8 partners (Centre for European Constitutional Law-CECL – the lead partner; The Society of Social Psychiatry P. Sakellaropoulos (SSP. P. Sakellaropoulos); National School of Judiciary and Ministry of Justice of Greek; The Cyprus Family Planning Association (CFPA); The Cyprus School for Judicial Training; The Centre for the Study of Democracy-CSD in Bulgaria and Save the Children Italy (STC IT), provenienti da 4 Paesi europei (Grecia, Cipro, Bulgaria, e Italia).

Obiettivi e attività

  • Stabilire una chiara base di dati relativi alle esigenze formative di giudici e pubblici ministeri in Grecia e Cipro, comprese le competenze non giuridiche essenziali per una comunicazione più child-friendly.
  • Realizzare una mappatura sulle buone prassi. Save the Children Italia in collaborazione con il CSD Bulgaria, condurrà una ricerca documentale sulle buone prassi, con l’obiettivo di raccogliere quelle più pertinenti, applicate in Italia, in Bulgaria e in altri paesi dell'UE, in modo da mappare gli strumenti già sviluppati e disponibili nell'ambito di altri progetti. L'obiettivo finale è prendere in considerazione le debolezze e le lacune nelle pratiche e negli strumenti esistenti in Grecia e Cipro e, quindi, sviluppare programmi e strumenti di formazione innovativi e moderni.
  • Fornire una formazione interdisciplinare di alta qualità, accessibile a 235 giudici e pubblici ministeri in Grecia e Cipro, utilizzando le opzioni assicurate dalle diverse metodologie di apprendimento (ibrido, misto e e-learning). Lo scopo è di formare un gruppo di esperti che possa divenire un punto di riferimento per la formazione sul tema della child-friendly justice all'interno delle scuole giudiziarie nei rispettivi paesi.
  • 2 visite di studio saranno realizzate presso tribunali o istituzioni legate alla giustizia, in Italia e in Bulgaria. L'obiettivo è fornire ai partecipanti un'esperienza pratica sulle strategie e le pratiche applicate da altre istituzioni, così come creare opportunità di fare rete, apprendere e confrontare le proprie esperienze con quelle di altri operatori del settore.

Co-funded by European Union