Afghanistan, raddoppiato da agosto il numero di bambini malnutriti

bambino malnutrito in braccio alla mamma

Nelle nostre cliniche mobili in Afghanistan, il numero di bambini malnutriti che assistiamo è più che raddoppiato da agosto. Alcuni medici di un ospedale pediatrico nel nord del Paese hanno riferito ai nostri operatori sul campo che, solo nel mese di dicembre, 40 bambini sono morti a causa di una malnutrizione grave prima di raggiungere l’ospedale.

Questa è una grandissima sfida umanitaria e nel mondo milioni di bambini si trovano in situazioni di emergenza così drammatiche. Anche tu, con la tua donazione, puoi raggiungere i bambini più in difficoltà e garantire loro un futuro migliore. Dona ora al nostro fondo emergenze, grazie.

I numeri della malnutrizione nel Paese

La domanda di cure per la malnutrizione è aumentata notevolmente da quando una terribile crisi alimentare ha colpito il Paese, già molto fragile. Si stima che questo inverno 14 milioni di bambini, su una popolazione totale di 40 milioni di persone, potrebbero dover affrontare livelli di fame così drammatici da rischiare la propria vita. A questi si aggiunge almeno un milione di bambini che già è colpito da grave malnutrizione.

Secondo i dati che ci hanno fornito le gli operatori delle nostre cliniche mobili, ad agosto visitavano in media 39 bambini, a dicembre il numero è salito a 100.

Un appello urgente

Abbiamo lanciato un appello urgente per una raccolta di fondi per continuare a incrementare la nostra risposta e garantire che i bambini gravemente malati ricevano le cure di cui hanno bisogno. Sulla scia del conflitto, della crisi economica e dell'aumento vertiginoso dei prezzi, un'ondata brutale di fame e povertà ha travolto l'Afghanistan. Due terzi dei bambini del Paese hanno bisogno di aiuti per sopravvivere. Stiamo distribuendo denaro, vestiti invernali e carburante alle famiglie in alcune delle aree più colpite per aiutarle a stare al caldo e a nutrirsi durante l'inverno.
 

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche