Aprire canali sicuri per minori e famiglie afghane

Ragazzo preso di spalle indossa una felpa grigia e guarda davanti a sé. Si trova all aperto e di fronte a sé ha una rete e oltre una collina alberata.

Si è tenuta ieri la riunione del Consiglio di Giustizia e Affari Interni, durante la quale l’Unione Europea ha mancato di assicurare protezione al popolo afghano e ai minori in fuga dal Paese. Grave questa assenza dell’UE, è necessario invece aprire canali sicuri per i minori e le famiglie oltre che accelerare i reinsediamenti e le procedure di ricongiungimento familiare. 

L’accoglienza del popolo afghano

L'Europa non dovrebbe esternalizzare la protezione dei richiedenti asilo afghani verso i paesi confinanti con l'Afghanistan che già accolgono le più grandi comunità di rifugiati afghani e hanno difficoltà nel fornire sicurezza, cibo, riparo e un’educazione ai bambini afghani e alle loro famiglie. Di conseguenza, troppo spesso i minori sono costretti a lasciare la scuola per lavorare e aiutare la famiglia, mentre le bambine e le ragazze diventano spesso vittime di abusi e matrimoni precoci.

Troppe volte abbiamo denunciato i violenti respingimenti e le violenze diffuse perpetrate contro centinaia di bambini e famiglie alle frontiere dell'UE, soprattutto nella regione balcanica, ma durante la riunione del Consiglio GAI non si è minimamente affrontato il tema del diritto di asilo per gli afghani in Europa e alle frontiere esterne. 

Non possiamo più accettare barriere, respingimenti o altre violazioni dei diritti umani ai confini europei. 

Devono essere riesaminati senza indugio i casi di tutti i cittadini afghani la cui domanda di asilo è stata respinta o che sono in attesa del rimpatrio. Esortiamo tutti i paesi dell'UE a rivedere le loro linee guida per l’asilo, visto il drammatico cambiamento delle condizioni di sicurezza e della situazione politica, in particolare per donne, ragazze, bambini, adolescenti e persone LGBTQI+.

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Per sostenere i bambini più vulnerabili, dona ora al nostro Fondo Emergenze per i Bambini.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche