Avvicinare i bambini alla natura: 3 attività per imparare e divertirsi

stivaletti di gomma che saltellano nel fango, taglio della foto sulle gambe

La natura offre a bambini e bambine infiniti spunti di esplorazione e di riflessione, lascia che si incantino di fronte a cose semplici come l'osservazione del mondo degli insetti o il ciclo di vita delle piante. Inoltre il contatto diretto con il mondo esterno è utile per aiutarli a comprendere, sin da piccoli, l’importanza di rispettare e tutelare l’ambiente, risorsa preziosa per tutti gli esseri viventi.

Come avvicinare i bambini alla natura: le attività dello “Spazio Mamme”

Le attività proposte dalla nostra equipe “Spazio Mamme”, un progetto a sostegno di genitori e bambini dagli 0 ai 6 anni, sono un valido esempio di come stimolare i bambini all’incontro con la natura, coinvolgendo anche gli adulti. 

Si tratta di percorsi ludico-educativi che possono essere organizzati ovunque si voglia (in un parco o nel giardino di casa) per restituire ai bambini la libertà a cui per molto tempo hanno dovuto rinunciare.

Per avvicinare i bambini alla natura gli spazi del servizio sono stati completamente riprogettati ed il fulcro delle attività è diventata l'area esterna. Il giardino è stato arricchito con giochi, attrezzature sportive e semplici materiali autoprodotti: l'intenzione di base è stata dare vita ad un'area ludica accogliente e stimolante sia per il gioco libero che per quello strutturato.

Di seguito 3 attività molto interessanti organizzate all’interno dello “Spazio Mamme” di Torre Maura a Roma  a cui ci si può ispirare per proporre ai bambini qualcosa che li farà godere a pieno gli spazi all’aperto.

Orti didattici: per i bambini il miglior modo di sentirsi in armonia con la natura

Un’attività che permette ai bambini di avere un contatto diretto con la natura è la realizzazione di orti didattici.
Il lavoro dell’orto è molto importante perché trasmette ai bambini il senso della semina, della crescita e della cura, dà modo di mettersi in ascolto dei ritmi della natura e di entrare in armonia con essi.
È inoltre un’attività molto coinvolgente con cui i bambini sperimentano l’emozione di veder spuntare i primi germogli e si dedicano con passione alla cura dei frutti.

L’orto didattico organizzato all’interno dello “Spazio Mamme” di Torre Maura si è articolato in tre fasi:

  • La semina: bambini e bambine hanno avuto a propria disposizione tutto il materiale necessario - palette, terra, semi e vasi - per sperimentarsi nel piantare, sia in vasi comuni che in piccoli vasi personali, che in seguito hanno portato a casa.
  • La cura: il focus è stato prendersi cura di ciò che avevano realizzato. Bambini e bambine sono quindi stati invitati a controllare l’orto e ad annaffiarlo in maniera costante, monitorandone tutti i cambiamenti.
  • Il raccolto: l’ultima fase ha previsto il raccolto dei primi frutti.

Il bello di questa attività è che è possibile farla anche a casa, sul balcone o in una stanza soleggiata, permettendo così ai bambini di sperimentarla anche in questo periodo di chiusure.

Giochi con l’acqua: divertimento assicurato per bambini e genitori

I giochi con l’acqua sono senza dubbio tra i preferiti dai bambini e semplici da organizzare anche insieme ai genitori. 

Molto divertente e facile da replicare per chi cerca attività all’aperto e vuole tenersi in movimento, la “staffetta della spugna”. 

Il gioco è stato organizzato in questo modo: in primo luogo è stato creato nel giardino dello Spazio Mamme un percorso con il materiale sportivo ed i giochi presenti all’esterno.
I bambini si sono posizionati in fila all’inizio del percorso e sono partiti uno alla volta: i rispettivi genitori li attendevano alla fine del percorso per aiutarli nell’ultima tappa. 

Ogni bambino aveva come obiettivo raccogliere da una bacinella con una spugna la maggior quantità di acqua possibile e poi cercare di conservarla nelle varie tappe (slalom, salti, scivolo); alla fine doveva versare con l’aiuto del genitore l’acqua della spugna in una bottiglia in comune con la propria squadra e cercare di farne cadere fuori il meno possibile.

Attività motorie: un percorso per incontrarsi

Avvicinare i bambini alla natura e promuovere attività all’esterno permette anche di organizzare percorsi motori che hanno benefici sia dal punto di vista fisico, che mentale, in quanto favoriscono la cooperazione e lo spirito di squadra. 

Come puoi organizzare delle attività motorie divertenti e stimolanti? 

Nello  “Spazio Mamme” abbiamo suggerito ai bambini e ai genitori di partire creando anzitutto una medaglia a due facce: ai bambini è stato chiesto di realizzare una faccia con il proprio ritratto, al genitore di realizzarne un’altra nella quale descrivere le “qualità speciali” possedute dal proprio figlio o figlia.
Le due facce della medaglia sono state poi incollate ma è stato chiesto al genitore di custodire la medaglia e soprattutto non rivelare al bambino la parte sulle proprie qualità.

In seconda battuta a bambini e genitori è stato presentato un percorso motorio così articolato: slalom, tunnel, salti, bersaglio, prova di disegno da realizzare con gessetti a terra (strutturata in base all’età ed alle competenze del bambino).
Ogni bambino si è sperimentato nel percorso - con i propri tempi e le proprie abilità - ed alla fine è stato invitato a salire su un piccolo podio contrassegnato dal cartello “speciale”: a questo punto è stato premiato dal proprio genitore attraverso la consegna della medaglia e la condivisione del contenuto della stessa.

Le attività all’aperto e il contatto con la natura, in particolare, permettono a bambini, genitori ed educatori di uscire dagli schemi e di agire in maniera più istintiva. È bello respirare a pieni polmoni il senso di libertà che contraddistingue tutti, adulti e piccini, avvicinandoli e facendoli sentire ancora più uniti. 

Contributo realizzato insieme a Mara Bitetto, educatrice presso lo “Spazio Mamme” di Torre Maura.

Per approfondire i temi legati alla fascia 0-6 anni visita il sito della ReteZeroSei, troverai articoli, notizie e molto altro ancora sulla genitorialità positiva.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche