Benessere psicologico e covid: consigli per genitori e adulti di riferimento

operatrice di Save the Children con mascherina e una donna di spalle sedute entrambe a un tavolo divise da un plexiglas per la protezione da covid-19

A quasi un anno dall’inizio della pandemia, sono moltissimi i bambini, le bambine e gli adolescenti che stanno affrontando difficoltà emotive, psicologiche e sociali.

Sono tanti i giovani che sentono particolare stanchezza, apatia, irritabilità e preoccupazione. La mancanza di relazioni sociali e la drastica diminuzione di contatto tra pari, la complessità della DAD e le numerose quarantene, stanno generando un disagio profondo soprattutto tra i più giovani. 

Come tutelare il benessere psicologico in pandemia


È proprio in questo contesto che genitori, insegnanti e adulti di riferimento possono trovare insieme il modo migliore per tutelare la salute ed il benessere dei ragazzi ed anche la propria.  
Di seguito vi presenteremo alcuni suggerimenti pratici per favorire, all’interno della famiglia e di contesti come la scuola una risposta concreta con un focus psicosociale alle criticità di questo tempo.   


Ricordiamoci sempre che i bambini, le bambine e gli adolescenti sono in grado di influenzare le relazioni di cui sono parte, anche in precocissima età, sono persone che diventano sempre più velocemente capaci di valutazioni, responsabilità e azioni pro-sociali. 


Una serie di professionisti, tra cui insegnanti, infermieri, pediatri, medici, psicologi, ma non solo, avranno quindi non solo un ruolo centrale nel valutare il benessere generale e lo sviluppo dei bambini delle bambine e dei ragazzi, ma il compito anche di renderli protagonisti di un cambiamento positivo. 


Covid e salute mentale degli adulti: 3 consigli

Uno degli aspetti, forse troppo a lungo trascurato, è proprio la salute e il benessere degli adulti, che sono e rimangono i punti di riferimento. Genitori, insegnanti, nonni e adulti di riferimento devono poter essere in una condizione sana e equilibrata per poter trasmettere calma, fiducia e tranquillità anche in un momento di incertezza come questo periodo.


Qui di seguito 3 consigli utili per il benessere psicologico degli adulti:

  • Dedicare parte del proprio tempo giornaliero all’ascolto e alla percezione della propria condizione fisica ed emotiva (fatica, spossatezza, stanchezza, stress, etc.) e dei segnali di malessere collegati; ritagliare un tempo preciso da dedicare a micro-pause di rilassamento e allentamento delle tensioni. 
  • Concentrare la propria attenzione sul “qui ed ora” e programmare gli eventi a breve termine, evitare di focalizzarsi sull’impossibilità di prospettive future.
  • Le reazioni negative sono normali in un momento di crisi, ma se si avvertono sintomi come irritabilità, agitazione, ansia, depressione, particolarmente pervasivi, tanto da avere un impatto eccessivo sulla capacità di gestire la situazione, è importante rivolgersi ad un esperto

La cura e il supporto che i genitori e gli adulti di riferimento possono offrire ai più piccoli e giovani in un momento di crisi sono importantissimi per il loro recupero. Il modo di reagire alla situazione influenza anche i pensieri, i sentimenti e le reazioni nei confronti della paura e dello stato di anormalità che bambini e ragazzi si trovano ad affrontare. 

Quando gli adulti sono ansiosi, agitati o spaventati, i bambini e ragazzi provano gli stessi sentimenti. I bambini e ragazzi reagiscono meglio quando i genitori appaiono fiduciosi, calmi e rassicuranti. Prendersi cura di sé stessi, della propria salute e delle proprie emozioni, significa anche prendersi cura di loro. Occorre affrontare la situazione di crisi parlandone con gli altri e condividendo gli stati d’animo e le emozioni provate. 

La salute mentale degli adolescenti: i consigli


In questo momento i ragazzi e le ragazze stanno affrontando un periodo sfidante; la mancanza di relazioni dal vivo con gli amici e i compagni di scuola, le difficoltà della Didattica a Distanza e le privazioni date dalle misure per il contenimento del contagio stanno mettendo a dura prova il loro benessere psicologico.


Qui di seguito alcuni consigli per supportare gli adolescenti:

  • Ascoltarli, tentando di non interromperli e di non essere paternalisti. Aiutarli a distinguere le opinioni dai fatti;
  • Sostenerli nella loro rielaborazione degli eventi discutendo con loro il vostro punto di vista e le vostre reazioni;
  • Se il ragazzo o la ragazza mostra esagerati sbalzi d’umore, estrema irritabilità o malumore, restare calmi. Rassicurarli sul fatto che vi aspettate che faccia del suo meglio;
  • Gli adolescenti potrebbero assumere comportamenti a rischio, come conseguenza delle loro paure ed emozioni. È importante fargli capire che c’è bisogno, ora più che mai, che si comportino al meglio, e che questa è una situazione temporanea;
  • Essere chiari circa le regole da seguire, in particolare quelle che riguardano la prevenzione della pandemia;
  • Essere aperti al dialogo, in modo che sappiano che possono venire in qualunque momento a parlare dei loro timori e preoccupazioni; 
  • Fate capire loro che siete in ansia per il loro benessere e la loro sicurezza, che volete che vi avvertano per qualunque problema dovessero avere senza forzarli a confidarsi se non se la sentono;
  • Gli adolescenti potrebbero sviluppare una tendenza ad isolarsi. Siate pazienti e fate capire loro che rispettate la loro privacy. Trovate dei modi per comunicare con loro e renderli partecipi, così che possano sentire il supporto della famiglia e degli amici;
  • Ricordate loro che sono membri importanti della famiglia e che li stimate. Sapere quanto sono importanti per i familiari li aiuta a tenere presente la loro appartenenza e identità in tempi incerti;
  • Incoraggiateli a passare del tempo con gli amici nel rispetto delle misure di sicurezza. Le relazioni coi coetanei sono importanti per gli adolescenti, li aiutano nel loro sviluppo sociale ed emotivo; 
  • Sostenere gli adolescenti nell’acquisire un senso di responsabilità e quindi di controllo sulla situazione. Sostenere il loro ruolo attivo e da protagonisti nella società, nel fare proposte per affrontare questa situazione, questo li farà sentire più sicuri di se stessi e partecipi;
  • Essere realistici e onesti quando si parla con loro della situazione e delle difficoltà che tutti stanno vivendo.

Leggi tutti gli articoli sul tema del Coronavirus e tutti i consigli per genitori, studenti e docenti.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche