Carovana migranti al confine USA: centinaia i minori vulnerabili a rischio

Carovana Migranti Messico-Usa

La militarizzazione del confine tra Stati Uniti e Messico e il blocco dell’accesso all’asilo per le famiglie in fuga dalle violenze rischia di traumatizzare ulteriormente i numerosi bambini che dopo un viaggio lungo ed estenuante si trovano già in condizioni di grande vulnerabilità. 

È questa la nostra denuncia in risposta alle azioni che il governo degli Stati Uniti ha annunciato nei confronti dei minori e delle loro famiglie che tentano di attraversare il confine Usa-Messico.

Ci sono già più di 13.000 minori non accompagnati trattenuti dal governo negli Stati Uniti ed è fondamentale che i nuovi arrivati vengano trattati con umanità. 

“Cercare asilo non è un crimine e usare i bambini come pedine per scoraggiare l’immigrazione è un atteggiamento senza scrupoli. Lavoriamo per difendere i diritti dei bambini e ci opponiamo fortemente sia alla separazione familiare che alla detenzione, poiché queste pratiche sono dannose e distruttive per il benessere di un minore" ha dichiarato Carolyn Miles, Presidente e Direttrice Generale della nostra organizzazione negli Stati Uniti.

Sono centinaia i bambini che fanno parte della Carovana di migranti proveniente dall’Honduras ed è necessario che l’Amministrazione USA fornisca loro e alle loro famiglie la protezione di cui hanno bisogno.

“Eventuali modifiche all’accordo di Flores del 1997 - (l’accordo che stabilisce che i minori detenuti debbano essere rilasciati ai propri genitori, familiari o tutore legale entro e non oltre 20 giorni) - possono rivelarsi gravemente dannose per i bambini. Per questo, nella fase attuale in cui si è chiamati ad esprimersi pubblicamente su regolamenti che consentirebbero la detenzione indeterminata dei minori, incoraggiamo tutti a farsi avanti e a dire la propria contro le modifiche proposte. Una cosa è certa: se tali modifiche dovessero entrare in vigore, bambini già di per sé traumatizzati lo saranno ancora di più” ha concluso Carolyn Miles.

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche