Genitori separati e Natale: le visite ai figli

un papà chino sui figli, li abbraccia e uno dei due bambini gli accarezza la guancia e si avvicina per dargli un bacio

Con il dpcm “Natale” molti genitori separati si sono chiesti se avrebbero potuto passare le festività con i propri figli nonostante le limitazioni ai movimenti previste per il contenimento del virus. 
Vediamo cosa c’è da sapere sulle visite ai figli dei genitori separati durante le feste natalizie.

Genitori separati e feste natalizie


Tra le FAQ del governo è chiaramente esplicitato - a proposito degli spostamenti dei genitori separati nelle zone gialle, arancioni e rosse - che “Gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche tra Comuni di aree differenti. Tali spostamenti dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e nel rispetto di tutte le prescrizioni di tipo sanitario (persone in quarantena, positive, immunodepresse etc.), nonché secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio o, in assenza di tali provvedimenti, secondo quanto concordato tra i genitori.”

Da quanto si legge quindi, anche per i nuclei famigliari separati sarà sempre possibile visitare i propri figli purché si osservino tutte le regole previste in ambito sanitario e nel rispetto degli accordi presi con l’altro genitore.

Il nostro supporto legale


Il nostro supporto legale non si è mai fermato, neanche nei mesi di lockdown, e le attività proseguono attraverso i nostri sportelli legali

Nel corso della pandemia abbiamo già affrontato il delicato tema degli spostamenti dei genitori separati nell’articolo “Coronavirus e genitori separati: visite e spazi neutri, cosa c’è da sapere”, fornendo informazioni e chiarimenti rispetto alle regole in vigore durante il primo lockdown.

Tutti gli articoli, le news e molto altro sul coronavirus.

Emergenza Coronavirus Italia: scopri cosa abbiamo fatto fino ad ora con i fondi raccolti.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche