Istruzione e salute: due diritti senza passaporto

Il diritto alla salute e all’istruzione sono diritti fondamentali sanciti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

L’articolo 24, nello specifico, stabilisce che ogni bambino debba avere diritto alla salute, all’assistenza medica e a ricevere tutte le informazioni necessarie in merito.  Il diritto all’istruzione per ogni bambino è sancito dall’articolo 28 che, inoltre, vincola gli Stati a garantire pari opportunità e uguaglianza di accesso a tale diritto per ogni minore.

Si tratta di diritti “senza passaporto” che dovrebbero essere garantiti senza distinzione di sorta, a prescindere dall’origine nazionale, etnica o sociale del minore.

Purtroppo, alla salute e all’istruzione non hanno pieno accesso i minori migranti non accompagnati che raggiungono il nostro paese, dopo un lungo e pericoloso viaggio.

Siamo da sempre impegnati a promuovere e sostenere questi diritti, consapevoli che la possibilità di potersi curare e accedere a un’istruzione di qualità determini prospettive di vita migliori per ogni bambino e bambina.

Per questo, abbiamo sviluppato un Disegno di Legge specifico che, tra le altre cose, mira a rafforzare le tutele del diritto all’istruzione e alla salute per i minori soli non accompagnati. Per rendere operativa la legge manca ancora l’approvazione al Senato.

Ecco cosa cambierà.

Diritto all'istruzione e alla salute

SENZA IL DDL

Una serie di impedimenti burocratici non consentono ai minori non accompagnati di esercitare a pieno i diritti all’istruzione e alla salute.

CON IL DDL

  • È prevista la possibilità per il minore non accompagnato di procedere all’iscrizione al Sistema Sanitario Nazionale, anche in assenza di nomina del tutore.
  • È prevista la possibilità dell’attivazione di specifiche convenzioni per l’apprendistato, nonché la possibilità di acquisire i titoli conclusivi dei corsi di studio, anche quando, al compimento della maggiore età, non si possiede più un permesso di soggiorno.
  • È prevista infine la possibilità di supportare il neomaggiorenne, fino ai 21 anni di età, qualora necessiti di un percorso più lungo di integrazione in Italia.

Per la sicurezza e la tutela dei minori soli non accompagnati che arrivano nel nostro Paese, l’approvazione al Senato del Disegno di Legge è fondamentale!

Condividi questo articolo con #NonFarloSparire per informare i tuoi amici di questa iniziativa.