La situazione in Indonesia a un mese dallo Tsunami

Indonesia a un mese Tsunami

Oltre 220 mila persone sono ancora senza un tetto a un mese dal disastro sull’isola di Sulawesi, in Indonesia, dopo che le loro case sono state distrutte o gravemente danneggiate dal terremoto e dallo tsunami che hanno già causato la morte di oltre 2 mila persone.

"La stagione delle piogge è arrivata in pieno a Sulawesi ed era l'ultima cosa di cui avevano bisogno le migliaia di famiglie che hanno perso le loro case e stanno dormendo in rifugi di fortuna, centri di evacuazione o sotto i teloni", ha detto Selina Sumbung, presidente di Yayasan Sayangi Tunas Cilik (YSTC), organizzazione partner in Indonesia. “Siamo particolarmente preoccupati che le piogge possano aumentare il rischio di epidemie o malattie. Stiamo già assistendo a un incremento dei casi di diarrea e di infezioni respiratorie, mentre sono stati segnalati casi sospetti di malaria, dengue e varicella. È probabile che vedremo sempre più persone ammalarsi nel tempo, considerato quanto sia difficile mantenere standard igienici, con le piogge che forniscono terreno fertile per le zanzare e con centinaia se non migliaia di corpi che potrebbero essere in stato di decomposizione nei terreni tutto attorno."

Entrando in azione nei primissimi giorni successivi al disastro, fino ad ora siamo già riusciti a raggiungere più di 16 mila persone. Oltre alla distribuzione degli aiuti umanitari, come kit per costruire i rifugi, zanzariere e kit per l'igiene e a organizzare attività di distribuzione dell’acqua, abbiamo subito creato Spazi a Misura di Bambino e centri temporanei per l’apprendimento, fornendo assistenza psicosociale ai minori e lavorando per rintracciare e riunire le famiglie separate.

La stagione delle piogge tuttavia costituisce un'ulteriore difficoltà per le organizzazioni umanitarie impegnate a raggiungere le  comunità più remote, diverse strade sterrate si sono trasformate in fango ed è aumentato notevolmente il rischio di frane.

La situazione è molto critica non soltanto sull’isola di Sulawesi ma anche a Lombok, dove 431.000 persone hanno perso le loro case in luglio e agosto a seguito di una serie di forti scosse di terremoto che hanno causato la morte di oltre 550 persone.

"Con l'inizio della stagione delle piogge, siamo in una fase critica sia a Lombok che a Sulawesi. Più di 650.000 persone sono rimaste senza tetto in entrambe le isole e in molti casi hanno un disperato bisogno di assistenza umanitaria, compresi cibo, acqua, riparo, assistenza sanitaria e neonatale, e istruzione per i bambini. Ora che i riflettori dei media si sono spenti, la risposta dei donatori è più importante che mai ed è necessario che aumenti il loro sostegno alle comunità colpite a Lombok e Sulawesi" ha concluso Sumbung.

Per approfondire leggi il comunicato stampa.