Save the Players: i gamers in gioco contro la fame

Immagine ufficiale dell evento save the players, maratona di gaming

Il 13, il 14 e il 15 dicembre, alcuni tra i gamer più conosciuti dagli adolescenti italiani e alcuni influencer si incontreranno su Twitch, alleati per giocare insieme in diretta a sostegno della nostra organizzazione. L'iniziativa, “Save The Players”, sarà una partita a Fortnite fuori dal comune, durante la quale gamer e influencer dovranno ribaltare le regole del gioco. I giocatori dovranno infatti provare a vincere senza violenza né armi e senza eliminare gli avversari. A mettersi in gioco nei tre giorni di live saranno alcuni influencer a sorpresa che giocheranno al fianco di PIAZZ, VAPM, RETURN.

l'obiettivo della sfida

I fondi ricavati dall’iniziativa “Save the Players” saranno destinati alla nostra campagna "Emergenza Fame", un appello urgente per contribuire ad evitare che centinaia di migliaia di bambini muoiano di fame. Difatti, sono circa 5,7 milioni i bambini sotto i cinque anni che sono sull’orlo della fame, oltre il 50% in più rispetto al 2019. Basta un ulteriore piccolo passo e in alcune aree del mondo da una situazione di crisi ed emergenza si passerà ad una catastrofe. Ogni anno muoiono oltre 5 milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni e la malnutrizione continua a contribuire al 45% di questi decessi.  Oltre 2 milioni di bambini muoiono dunque ogni anno anche a causa della malnutrizione, 1 ogni 15 secondi.

dove seguire la challenge

Sarà possibile seguire la challenge sul nostro canale Twitch e sarà possibile donare attraverso la piattaforma di raccolta fondi Tiltify. Oltre a poter donare, chiunque potrà partecipare, giocando nei tre giorni di maratona e per tutto il periodo natalizio, rispettando le stesse regole. Gli utenti che doneranno di più potranno giocare in diretta con i gamer e gli influencer.

Il programma

13 dicembre ore 21-23: Piazz 

14 dicembre ore 21-23: VAPM

15 dicembre ore 21-23: Return

Per approfondire leggi il comunicato stampa.

Chi ha letto questo articolo ha visitato anche